Cefalù Web tra le terre martoriate dall’incendio: Tusa e l’area archeologica di Halaesa

Cefalù Web tra le terre martoriate dall’incendio: Tusa e l’area archeologica di Halaesa
1 ottobre 2012

Le drammatiche immagini del post incendio che ha devastato e martoriato il territorio di Tusa, il piccolo comune del messinese al confine con le Madonie, lasciano poco spazio all’immaginazione.

Quello che si presenta dinanzi agli occhi di chi si trova a passare da qui è uno scenario infernale e apocalittico. Il fuoco ha cancellato interi ettari di terreno, mandato in fumo uliveti e vigneti che rappresentavano il fulcro attorno al quale girava l’economia del paese. Per non contare i danni subiti dalle aziende e gli innumerevoli animali arsi vivi.
Compromessa appare anche l’area archeologica di Halaesa. Il fuoco ha lambito le mura contrafforte e mandato in fumo la tettoia che riparava le anfore in attesa di restauro.

Tutto intorno è andata distrutta una vasta area di macchia mediterranea, preziosa e rappresentativa per il nostro bellissimo territorio.
Nelle frazioni costiere di Castel di Tusa e Milianni, le fiamme hanno circondato le abitazioni. Un’intera comunità in ginocchio.
Le immagini qui di seguito descrivono l’orrore vissuto dagli stessi abitanti nei 5 lunghissimi giorni di distruzione più totale.
Si ringrazia il personale dell’area archeologica per la disponibilità accordataci.
Photo Gallery:


Commenti

Post nella stessa Categoria