Il Rally Ronde Scicolone “sposa” il sociale – Apripista il campione Giandomenico Basso

Il Rally Ronde Scicolone “sposa” il sociale – Apripista il campione Giandomenico Basso
6 novembre 2012

COMUNICATO STAMPA nr. 3                                                                    C.A. REDAZIONE SPORT AUTOMOBILISMO

 

ISCRIZIONI POSSIBILI ANCORA SINO A lunedì 5. LA KERMESSE AUTOMOBILISTICA PREVISTA SABATO 10 E DOMENICA 11 NOVEMBRE

 

Il RALLY RONDE SCICOLONE “sposa” il sociale: stipulata una partnership con la Lega del Filo D’oro. Apripista ufficiale sarà il pluricampione EUROPEO ED ITALIANO Giandomenico Basso. Tra i favoriti è l’asso cerdese Totò Riolo (PEUGEOT 207 s2000). Mimmo Guagliardo punta sulle autostoriche.

 

A meno di una settimana dal suo svolgimento si prospetta il “tutto esaurito” in merito al “roster” dei concorrenti, ma pure tra le strutture alberghiere della zona. Entusiasmo letteralmente alle stelle tra gli appassionati di motori domiciliate nel comprensorio delle Madonie storicamente ricco di tradizioni sportive nella specialità (e non solo). A caccia di visibilità nella “Ronde” cefaludese sarà inoltre il giovane messinese Danilo Novelli (Peugeot 207 Super 2000), ma non mancheranno all’appuntamento i migliori piloti siciliani. La competizione, voluta dalla Fondazione Scicolone per ricordare la figura di Salvatore, giovane appassionato locale scomparso svariati anni addietro, porta la firma del Team Palikè Palermo. Il percorso di gara è ricavato su una sezione dello stesso nastro d’asfalto che in passato ospitò la mitica cronoscalata Cefalù-Gibilmanna, tra gli anni Settanta ed Ottanta valida per il Campionato europeo della montagna. L’unica prova speciale in programma, della lunghezza globale di 14,10 km, sarà ripetuta per ben quattro volte. A garantire il patrocinio alla corsa di casa saranno i tre comuni di Cefalù, Lascari e Gratteri

 

Cefalù, 04 novembre – Si prospetta il “tutto esaurito”, in merito al “roster” dei concorrenti in lizza per un posto al sole al termine della gara, ma pure e soprattutto tra le principali strutture alberghiere della zona, nell’imminenza del Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie”. L’atteso evento automobilistico, destinato in questo finale di stagione ad infiammare gli animi degli appassionati di motori residenti nel “comprensorio” delle Madonie, nel Palermitano, è in programma sabato 10 e domenica 11 novembre prossimi come da calendario nazionale Aci Csai della specialità.

Che gli organizzatori siano da settimane alacremente al lavoro per assicurare la migliore visibilità possibile al rally cefaludese ed agli enti o alle aziende che ad esso hanno voluto legare il proprio nome, è testimoniato dalle tante e consistenti novità annunciate a meno di una settimana dallo svolgimento della corsa. In ossequio ai principi ed ai valori morali a cui da sempre si ispira l’opera del Team Palikè Palermo e delle organizzazioni che al sodalizio del capoluogo si affidano per le loro attività sportive, il Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” ha voluto sposare innanzitutto per quest’edizione la sfera relativa al sociale. E’ stata infatti stipulata in queste ore una forte partnership con la Lega del Filo d’Oro, associazione nazionale Onlus con base ad Osimo, in provincia di Ancona, che dal 1964 (perciò da quasi 50 anni) si occupa dell’assistenza, dell’educazione, della riabilitazione, del recupero e del reinserimento nella società di persone non vedenti prive di udito, nonché dei pluriminorati psicosensoriali. In particolare, nell’occasione, è stato il Centro sanitario di Riabilitazione residenziale per la Lega del Filo d’Oro, con sede a Termini Imerese, in provincia di Palermo, a volere fortemente l’accordo di collaborazione in atto con il Team Palikè e con il Rally Ronde Scicolone ‘Circuito Cefalù e Madonie’. Il direttore del centro termitano, Gioacchino Madonia, ha inteso in questo modo riaffermare con una serie di iniziative solidali

 

Team Palikè p.za Generale Cascino, 155/156 – 90142 PALERMO

info ed iscrizioni: www.rallyvalledelplatani.itwww.palike.it – tel./fax 091 546261 – cell. 337 866777 o 329 1083326

programmate nel corso della “Ronde” di sabato 10 e domenica 11 novembre la forte presenza dell’associazione sul territorio provinciale e regionale. Il logo ufficiale della Lega del Filo d’Oro, unito ad un messaggio solidale, sarà pertanto presente sulle fiancate di tutte le vetture in gara e di quelle in uso all’organizzazione per logistica e altro ancora. La filosofia che anima la Lega del Filo d’Oro verrà inoltre impressa su tutto il materiale cartaceo previsto per la fase amministrativa ed organizzativa, mentre l’Associazione ufficiali di gara “Nando Di Falco” di Palermo ha già fatto sapere di voler devolvere a fine kermesse una parte del rimborso spese ad essa spettante alla Lega del Filo d’Oro.

I volontari del Centro sanitario di Riabilitazione residenziale di Termini Imerese (una tra le quattro sedi ufficiali in Italia in cui si svolge l’attività di riabilitazione con regolare certificazione internazionale di qualità, le altre sorgono ad Osimo (AN), Lesmo (MB) e Molfetta, in provincia di Bari), saranno presenti nel corso delle verifiche tecnico-sportive ospiti del Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie”, al fine di sensibilizzare e coinvolgere piloti e addetti ai lavori con lo slogan:” Le buoni azioni hanno un buon sapore” nell’acquisto di una confezione di Pasta della bontà, per la Lega del Filo d’Oro. A fronte della corresponsione di un’offerta libera, destinata così in favore delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali assistite dall’ente, si riceverà una confezione di Pasta della bontà composta da tre pacchi di pasta di grano duro tutto italiano. Insieme al kit sarà anche distribuito un mini prontuario con le ricette culinarie proposte da Renzo Arbore (da anni testimonial della Lega del Filo d’Oro), Marisa Laurito e Teresa Mannino.

Ma le novità non si limitano solo al sociale. Il Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” vedrà infatti in veste di apripista ufficiale (con la vettura numero “0”, quella che precede di poco il passaggio in prova speciale di tutti i concorrenti) nientemeno che il veneto Giandomenico Basso, già pluricampione europeo ed italiano rally. Il forte ex portacolori ufficiale Abarth di Montebelluna (quest’anno brillante protagonista nell’Irc, l’Intercontinental Rally Challenge e nel Cir, Campionato italiano Rally, alternandosi al volante delle Ford Fiesta Rs Regional Rally Car e Super 2000 dell’A-Style Team e prim’ancora al via di numerose gare valevoli per il Mondiale Rally Wrc alla guida della malese Proton Satria Neo Super 2000 ufficiale), vanta nel suo palmares due allori nel Campionato europeo Rally (2006 e 2009) ed un successo assoluto nel già citato Irc (2006) e nel Campionato italiano Rally (2007), oltre ad innumerevoli vittorie di tappa colte in rally corsi su tutto il territorio europeo. Un grande colpo da parte degli organizzatori ed una consistente iniezione di spettacolo assicurato ad una competizione che ha già richiamato tanti “big” della specialità siciliani.

A cominciare dall’asso palermitano (di Cerda) Totò Riolo, già vincitore di tre edizioni della mitica Targa Florio (nel 2000, 2005 e 2010), alla pari con il leggendario Ninni Vaccarella. Il neo portacolori della Trinacria Corse punterà ad incrementare il suo incredibile palmares di oltre 150 vittorie ottenute in tutte le discipline motoristiche dal 1986 ad oggi, al volante della prestante Peugeot 207 Super 2000 assemblata dalla messinese Ferrara Motors (su cui siederà pure il copilota palermitano Max Alduina). Totò Riolo, due volte campione italiano Rally Autostoriche, correrà quasi sulle strade di casa, in mezzo ai suoi numerosissimi tifosi che non vorranno fargli mancare tutto il loro affetto. Ma in cerca di visibilità sulle strade delle Madonie sarà anche il giovane messinese (originario di Santa Teresa Riva) Danilo Novelli, il quale ha tutte le intenzioni di fare sul serio alla guida di un’altra Peugeot 207 Super 2000, preparata questa volta dalla ennese Lb Tecnorally.

Da confermare la presenza nella gara di casa del forte talento cefaludese Marco Runfola, ventinovenne “figlio d’arte” (papà Ninni fu uno tra i principali interpreti del rallysmo tra gli anni Settanta ed Ottanta, con la mamma, Donatella Poli, con cui faceva coppia fissa anche nell’abitacolo di una vettura da corsa, meglio se si trattava di un’affascinante Lancia Stratos), tra i principali promotori del Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie”. Già iscritti, inoltre, i nisseni “Luis”, al volante di una Citroen Saxo Vts Super 1600 e Pino Territo, con la Mitsubishi Lancer Evo VI, il trapanese Mauro Cacioppo (con la Mitsubishi Lancer Evo X), il corleonese Antonio Di Lorenzo (Mitsubishi Lancer Evo VII), il messinesi Giuseppe Alioto e Giuseppe Messina, infine i locali Antonino Provenza e Francesco D’Anna (anche lui “anima” della Ronde), tutti su Renault Clio Rs R3C.

Confermatissimo invece il “pienone” di iscritti tra le Autostoriche, per la gioia degli appassionati meno giovani ma non solo. Sono infatti 20 le vetture “ancienne” già sicure di prendere parte alle verifiche tecniche e sportive nella Ronde cefaludese e di prendere eventualmente il via in coda alle Moderne (tuttavia ci sono altri equipaggi pronti a subentrare nella lista ufficiale degli iscritti se qualcuno di quelli già confermati dovesse dare “forfait” all’ultimo momento), con una speciale deroga concessa nei giorni scorsi da parte di Aci Csai, che ha “aperto” il Rally Ronde

 

Team Palikè p.za Generale Cascino, 155/156 – 90142 PALERMO

per info e iscrizioni: www.palike.it – tel./fax 091 546261 – cell. 337 866777 o 329 1083326 # LIC. ORG. 31886

Scicolone appunto alla presenza di venti vetture storiche, in luogo delle dieci solitamente ammesse al via di tutti gli altri rally sul territorio nazionale, come da regolamento. Favorito d’obbligo in questa sezione del Rally Ronde Scicolone sarà il noto pilota-preparatore palermitano Mimmo Guagliardo (oramai da qualche tempo trasferitosi con la sua “factory” dedicata alle Porsche nel Bresciano), il quale punterà al gradino più alto del podio con la sua Porsche 911 Sc 3000. A contrastargli il passo o a conquistare comunque la vittoria nel proprio raggruppamento ci proveranno altresì gli altri palermitani Mario De Luca, Natale Mannino, Gaetano Gioè, Giuseppe Salerno (tutti con la Porsche) ed Alfredo Altopiano (con la Opel Ascona 400), nonché il cefaludese Piero Vazzana (Opel Kadett Gte).

A desiderare fortemente la nascita sul territorio del Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” è stata in prima persona Antonella Scicolone, presidente della Fondazione Scicolone, ente di stampo sportivo-culturale con base proprio a Cefalù, figlia di un pioniere dell’automobilismo locale (il papà è stato per anni il concessionario di riferimento nella zona per le vendita delle Simca, noto marchio di auto francesi del passato). Antonella ha inteso in questo modo ricordare la figura del fratello Salvatore Scicolone, giovane ardente appassionato di motori locale prematuramente scomparso alcuni anni fa.

Ad “armonizzare” tuttavia la complessa macchina logistica ed organizzativa del Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” sarà, come detto, il Team Palikè Palermo, con al timone Annamaria Lanzarone, Nicola e Dario Cirrito, da oltre 30 anni al servizio delle corse in Sicilia e sull’intero territorio nazionale. Il sodalizio palermitano sarà supportato nell’impegnativa gestione tecnica e finanziaria della corsa dalla stessa Fondazione Scicolone, ma anche da uno staff di professionisti ed addetti ai lavori del luogo coordinato dal pilota locale Francesco D’Anna, tra i principali promotori dell’idea che ha condotto alla creazione della nuova Ronde isolana. A concedere inoltre il proprio indispensabile patrocinio alla corsa madonita ci hanno pensato la Provincia regionale di Palermo, la città di Cefalù (con in testa il neo sindaco Rosario Lapunzina) e i comuni di Lascari (primo cittadino è Giuseppe Abbate) e Gratteri (rappresentato dal sindaco Giuseppe Muffoletto), tutti in provincia di Palermo. Irrinunciabile anche il supporto assicurato dal Parco delle Madonie, scenario unico nel quale ricadono i paesi interessati dalla Ronde, pur a pochi chilometri dallo splendido mare di Cefalù, cittadina normanna rinomata per il suo turismo di respiro internazionale. Stessa considerazione nutrita per i ridenti centri di Lascari e Gratteri, quest’ultimo detto “paese-albergo”.

A sostegno dell’articolato progetto concernente il Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” sono già in cantiere diverse iniziative collaterali di tenore culturale, come ad esempio un concorso destinato a coinvolgere le scuole medie e superiori del circondario. E’ ipotizzato lo svolgimento di un tema dal titolo: “Parlate del rally che avete vissuto”. I tre migliori lavori proposti dagli alunni saranno premiati più avanti, alla conclusione dell’anno scolastico. Nel frattempo è stato pure istituito il 1° Trofeo “La Barbera Ricambi”, in collaborazione con il pilota-preparatore Mario La Barbera e la struttura tecnica omonima da lui stesso presieduta. Il riconoscimento verrà quindi assegnato all’equipaggio che registrerà il minor tempo dalla somma dei migliori tre passaggi sui quattro previsti sull’unica prova speciale, detta “Circuito Madonie”.

Particolarmente affascinante è ancora il percorso di gara, ricavato su una sezione del medesimo nastro d’asfalto che ospitò in passato la mitica cronoscalata Cefalù-Gibilmanna, tra gli anni Settanta ed Ottanta valevole perfino per il Campionato europeo per la montagna del tempo. Il Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” si articolerà su un’unica impegnativa prova speciale (come recita appunto la formula della Ronde), della lunghezza pari a 14,10 km, da ripetersi per ben quattro volte, per un totale di 56,40 km di tratti cosiddetti a cronometro, su fondo asfaltato, con percorrenza complessiva equivalente invece a 198,46 km. Ad essere interessati dal tracciato, che si erge verso il noto Santuario di Gibilmanna, meta di pellegrinaggi da tutta Italia, sono i citati tre comuni di Cefalù, Lascari e Gratteri.

Toccherà al piccolo comune madonita di Gratteri ospitare, sabato 10 novembre, a partire dalle 19.00, la partenza del rally ronde, atteso al via ufficiale sull’ideale passerella allestita nel centralissimo corso Umberto I. La carovana

si dirigerà quindi alla volta di Cefalù, per l’ingresso al riordino notturno previsto sul lungomare Giuseppe Giardina a partire dalle 19.50. Ultimata la pausa notturna, la competizione scatterà ufficialmente l’indomani, domenica 11 novembre, alle 8.30, con l’uscita dal riordino localizzato sul citato lungomare Giardina ed il successivo ingresso in assistenza, sempre nel medesimo luogo, a Cefalù. I concorrenti si muoveranno quindi subito dopo, per affrontare

il primo dei quattro passaggi sulla prova speciale cosiddetta “Circuito Madonie”, di 14,10 km, a partire dalle 8.56.

 

Team Palikè p.za Generale Cascino, 155/156 – 90142 PALERMO

per info e iscrizioni: www.palike.it – tel./fax 091 546261 – cell. 337 866777 o 329 1083326 # LIC. ORG. 31886

Il segmento di gara ha inizio al km 2 della strada provinciale 54 bis “Cefalù-Gibilmanna”, all’altezza del noto bivio di “Croce Parrino”, per proseguire sulla strada provinciale 28 in direzione di Gratteri, per circa 2 chilometri, fino al termine della prova. La “piesse”sarà ripetuta dai concorrenti in sfida altre tre volte, alle 10.59, alle 13.02 ed alle 15.05.

Cinque i riordini indicati sulla tabella di marcia ufficiale, il primo dislocato sul lungomare Giardina a Cefalù (quello allestito in notturna), i rimanenti quattro ospitati nella centrale via Alcide De Gasperi, a Lascari. Quattro, invece, i parchi assistenza, il primo sempre localizzato sul lungomare Giardina, a Cefalù, gli altri tre allestiti infine ancora a Lascari, in via Alcide De Gasperi. Sono inoltre quattro i controlli a timbro tutti previsti a Gratteri in corso Umberto I. Cefalù ospiterà poi l’atto conclusivo del Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie”, ossia l’arrivo con la “passerella” finale per piloti e vetture, alle 16.30 di domenica 11 novembre, nella bella cornice del lungomare Giuseppe Giardina. Sempre Cefalù contribuirà infine a far calare il sipario sulla manifestazione “ronde rallystica” con la premiazione conclusiva, fissata nell’occasione sul palco del Teatro comunale “Salvatore Cicero”, con inizio alle 19.

Le abituali verifiche sportive per le vetture si svolgeranno poi sabato 10 novembre a Cefalù, al Palasport “Marzio Tricoli”, sito in contrada Ogliastrillo, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 15.30; mentre i documenti di bordo e amministrativi da parte dei conduttori potranno essere controllati in occasione delle punzonature tecniche dalle 10.30 alle 13.30 ed ancora nel primo pomeriggio, dalle 14.30 alle 16.00, sempre nei locali del Palasport “Marzio Tricoli”. La direzione di gara (affidata all’esperto internazionale ennese Alessandro Battaglia), la sala stampa e la parte logistica saranno nuovamente ospiti al Palasport “Marzio Tricoli” di Cefalù. La distribuzione dei “radar” ai concorrenti avverrà a Cefalù venerdì 9 novembre, mentre le ricognizioni autorizzate per i partecipanti saranno possibili sabato 10 novembre, dalle 10.40 alle 17.30.

Ulteriori informazioni e le curiosità inerenti il Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” potranno essere reperite dagli appassionati sui siti internet: www.palike.it  e www.rallyrondescicolone.it .

 

 

                    ufficio stampa team palikè

               ufficio stampa rally ronde scicolone

   flavio lipani

   mobile: +39 347 3492843 – email: flavio.lipani@libero.it



Commenti

Post nella stessa Categoria