Chiusura alberghi – Lapunzina: “Pronti ad ascoltare proposte sensate ma…”

Chiusura alberghi – Lapunzina: “Pronti ad ascoltare proposte sensate ma…”
23 novembre 2012

Chiusura alberghi – Lapunzina: “Pronti ad ascoltare proposte sensate ma…”

A seguito di una delibera del consiglio comunale dello scorso 30 ottobre, con la quale i consiglieri hanno varato l’aumento dell’Imu dello 0,4% per la prima casa e dell’1.06% per la seconda abitazione, il Sindaco di Cefalù risponde alla protesta annunciata dagli albergatori di Cefalù con il comunicato stampa allegato alla presente.

“Siamo consapevoli del momento assai difficile, per via della grave crisi economica, con ripercussioni principalmente sulle famiglie, ma anche sugli operatori economici di tutti i settori, ivi compresi, ovviamente, gli albergatori. Dei quali ascoltiamo e comprendiamo il grido d’allarme.

Non condividendo, però, la “serrata”, specie se rivolta, assai impropriamente, contro il Comunedi Cefalù. Gli operatori del turismo sono persone, in genere, ben informate, cui non può sfuggire la ricaduta, sugli Enti locali, delle manovre del Governo nazionale. I pesanti tagli ai trasferimenti richiedono l’aumento di imposte come l’IMU, così come è accaduto nella stragrande maggioranza dei comuni. L’aumento al 10, 6 per gli immobili oltre la prima abitazione, non è una peculiarità di Cefalù. Alla stessa stregua hanno operato città come Palermo, o centri turistici come Taormina.

L’aumento della imposizione copre, per l’appunto, a mala pena, i tagli di trasferimenti, in un Comune pieno di debiti lasciati dalle allegre gestioni delle precedenti Amministrazioni, nei cui riguardi tutti, anche gli Albergatori, avrebbero dovuto essere più attenti, pretendendo quella lotta agli sprechi che noi stiamo operando. Riteniamo che quegli Alberghi, non tutti in verità, che hanno chiuso i battenti lo abbiano fatto per quella pausa stagionale che a novembre è una consuetudine.

Detto ciò, siamo, come sempre, pronti ad ascoltare proposte sensate, per ciò che è nelle nostre possibilità. Se qualcuno, però, ha in mente di “consegnare” le chiavi delle attività, precisiamo che l’indirizzo giusto non è il Municipio di Cefalù, bensì quello di Palazzo Chigi”.

Il sindaco

Rosario Lapunzina



Commenti

Post nella stessa Categoria