Scordia…una notte da scordare per il Real Cefalù

Scordia…una notte da scordare per il Real Cefalù
6 ottobre 2013

A Scordia arriva la prima sconfitta stagionale per la squadra di mister Manzella, in una partita dai due volti, praticamente vinta alla fine del primo tempo e persa malamente nel secondo.Real Cefalù

La partita, giocata in un week end segnato dal dolore,  è stata preceduta da un minuto di silenzio in memoria delle centinaia di persone che hanno perso tragicamente la vita nel naufragio avvenuto nei pressi di Lampedusa.

Le raccomandazioni fatte negli spogliatoi per affrontare al meglio una partita giocata in un campo al limite della regolarità (per le ridotte dimensioni e per la pericolosità dei muri e dei cordoli di recinzione), sono state assorbite in pieno. Manzella ha ruotato con continuità i suoi giocatori, ottenendo le risposte che cercava, coprendo bene la porta di Balistreri e colpendo con giocate più da calcio che da fusal. E così la prima frazione di  gioco, seppur soffrendo, si chiude in vantaggio per 4-1 con le reti di 2 Fuschi, Papa e Isgrò.

A quel punto però, si è spenta la luce. Il Real Cefalù è rimasto negli spogliatoi. La squadra è rientrata in campo senza cattiveria agonistica, senza riuscire a rispettare i dettami tattici, facendosi schiacciare nella propria metà campo.

I padroni di casa invece sono rientrati in campo con altro spirito. Hanno segnato subito due goal e  dato il la ad una grande rimonta. Un sussulto di Gianni Papa, tra i migliori in campo, ha ridato fiato ai cefaludesi, ristabilendo le distanze, ma gli ultimi minuti sono stati fatali. Il pubblico ha iniziato a far sentire la sua voce, la palla sembrava come dentro un flipper e i ragazzi hanno perso completamente testa ed idee. Isgrò è uscito per infortunio, Allegra è rimasto in campo dolorante per un forte mal di schiena, e nessuno ha più avuto la forza di acciuffare il pareggio.

Grande amarezza per il mister: “So quanto è dura per noi giocare in questi campi. Non siamo abituati ai campi così piccoli, per le caratteristiche dei nostri giocatori soffriamo gli spazi stretti, ma dovremo abituarci in fretta e da questa sconfitta sapremo trarre le giuste considerazioni. Giocheremo in altri campi simili come a Palagonia, Canicattì, Agira e sono sicuro che questa partita ci aiuterà molto in futuro. Abbiamo perso tre  punti importanti, ma non è successo nulla di grave e compromettente, da martedi si riparte. Ho visto la giusta rabbia e delusione negli occhi dei ragazzi, ci saranno mille battaglie e noi saremo sempre li a lottare”.

Prossimo appuntamento sabato al Palatricoli contro il Palagonia che ieri ha sconfitto per 9-3 il Real Parco di Altofonte.

Asd Sport Club Scordia – Pol. Real Cefalù asd = 6 – 5

Formazioni: Balistreri, Isgrò, Vitrano, Incognito, Fuschi; A disp. Cirà, Allegra, Papa, Musotto, Portera, Barranco. All. Manzella

Reti: 2 Fuschi , 2 Papa, 1 Isgrò



Commenti

Post nella stessa Categoria