Valtellina WebTaormina WebBlogSicilia

Campofelice, Crocetta contro Savona: cacciato il deputato regionale

Campofelice, Crocetta contro Savona: cacciato il deputato regionale
20 ottobre 2013

Al congresso dei Drs (democratici e riformisti siciliani) che si è svolto a Campofelice di Roccella, ha destato molta eco lo scontro avvenuto fra il Governatore siciliano Rosario Crocetta ed il deputato regionale campofeliceRiccardo Savona. Quest’ultimo è stato cacciato dal Presidente della Regione durante l’incontro politico.

“In questa sala c’è qualcuno che non ci deve stare e deve uscire immediatamente” ha tuonato Crocetta. Il deputato regionale a quel punto ha deciso di alzarsi e di andare via. Alla base delle motivazioni che hanno spinto Crocetta ad una dichiarazione così forte vi sarebbero le intercettazioni della Dia che confermano un contatto telefonico tra Vito Nicastri, l’imprenditore considerato dagli inquirenti “re dell’eolico” vicino al boss latitante Messina Denaro, ed il deputato stesso.

“La lotta alla mafia e alle connivenze è alla base della mia azione di governo. Savona ha capito che non c’è più trippa per gatti” ha continuato il Governatore. Savona, presidente della commissione spending review dell’Ars è stato eletto fra le fila di Gianfranco Miccichè, transitando poi nel gruppo misto. Solo recentemente il politico è approdato nei Drs, che sostengono il governo Crocetta.

Il Presidente della Regione è in rotta di collisione con Savona anche perché ritiene che la sua elezione a presidente della commissione spending review “è stata una mossa fatta apposta per bloccare i tagli”.
La commissione infatti avrebbe approvato il disegno di legge che contiene i tagli alla spesa dell’Assemblea senza seguire le disposizioni del decreto Monti sulle indennità dei parlamentari.

“Vale la pena ricordare a chi finge di non saperlo che la vicenda risale a parecchi anni addietro, che nel merito l’Autorità giudiziaria ha svolto approfondite indagini e che mai – dico mai – sono stato oggetto di processi giudiziari sul caso in questione” ha replicato il deputato alle accuse che lo vedono in rapporti con Nicastri. “Non nascondo di essere rimasto alquanto stupito e amareggiato dalle dichiarazioni del presidente Crocetta. Probabilmente non è stato informato dai suoi consiglieri del fatto che quando ho intrattenuto rapporti con Nicastri lo stesso era considerato un rispettabile imprenditore e che mai nessuno avrebbe potuto lontanamente immaginare che fosse in contatto con organizzazioni criminali. Venutone a conoscenza ho troncato con lui ogni contatto. Si continua a denigrare la mia persona senza alcun fondamento” ha concluso infine il deputato siciliano.



Commenti

Post nella stessa Categoria