Cefalù, Ztl effetto domino: nuovi guai per tutti i cittadini

Cefalù, Ztl effetto domino: nuovi guai per tutti i cittadini
22 maggio 2014

 

Lapunzina E’ stata una riunione molto concitata quella che si è svolta ieri sera in sala delle Capriate. Un incontro, quello fra i cittadini del comitato Centro Storico e l’amministrazione che voleva essere chiarificatore si è trasformato in bagarre e nell’ennesimo momento buono per estemporanei comizi. La sala, gremita di cittadini preoccupati per le sorti del proprio quartiere, è diventata teatro dell’ennesimo atto di arroganza. Nessun dei timori dei residenti si è sciolto dinnanzi al primo cittadino, anzi quelle che erano soltanto apprensioni si sono trasformate in certezze. Il nuovo piano del traffico predisposto per migliorare la vita dei residenti, senza le dovute giustapposizioni , la complicherà ulteriormente innescando un effetto domino su tutto il resto della città.

Infatti il sindaco Lapunzina ha dichiarato che, con la chiusura dell’anno scolastico, il parcheggio della scuola media di via Fermi verrà assegnato in via esclusiva al parcheggio dei possessori di PASSO ROSSO BARRATO. Un pass destinato alle “seconde auto” dei residenti del centro storico i quali oltre ad avere un PASS ROSSO a famiglia (che consente non solo il transito nelle ore prestabilite ma anche il parcheggio nelle ztl) col secondo acquisiscono il diritto di transitare nelle ztl ma senza la possibilità di parcheggio , andando così ad intasare i già pochi posti auto disponibili nelle zone esterne al centro storico. Brutte notizie per i residenti di Cefalù aventi diritto al solo PASS BLU già costretti a contendersi ogni singolo posto, a fare “lo slalom” fra i tanti, forse troppi parcheggi invalidi di cui alcune strade centrali risultano essere inzeppati. Con questo dispositivo sul traffico insomma i guai per il parcheggio sembrano essere destinati a moltiplicarsi. 

ztlIn questo clima non certo mite non è da escludere che i residenti avanzino la proposta di sospendere l’entrata in vigore del nuovo piano per procedere, a menti fredde, ad una nuova stesura che tenga conto di tutte le istanze cittadine, anche alla luce del fatto che i commercianti e gli operatori economici che possiedono un’attività all’interno del perimetro della ztl non sono stati interpellati dal primo cittadino per condividere la stesura della nuova ordinanza.

 

 

Davide Bellavia



Commenti

Post nella stessa Categoria