Valtellina WebTaormina WebBlogSicilia

In attesa del by-pass definitivo
Inaugurato l’impianto AMAP per il recupero dell’acquedotto Nuovo Scillato

Inaugurato l’impianto AMAP per il recupero dell’acquedotto Nuovo Scillato
3 maggio 2017

È stato inaugurato questa mattina, sulla strada provinciale 9 bis, l’impianto AMAP per il recupero funzionale dell’acquedotto Nuovo Scillato. La condotta in Kevlar è stata realizzata dall’Amap  nelle contrade Scacciapidocchi (Termini Imerese) e Burgitabus (Cerda), interessate alcuni anni fa da una frana. Si ripristina, in tal modo, il collegamento idrico con la città di Palermo, garantendo un’erogazione di circa 400/500 litri d’acqua al secondo, altrimenti destinati a disperdersi in mare, con il recupero di un volume annuo di circa 15 milioni di metri cubi, equivalenti al 15-20% del volume immesso in rete nella città di Palermo. Gli oneri complessivi dell’intervento, a carico dell’Amap, ammontano a circa 1.540.000 euro.

Presenti alla cerimonia, tra gli altri, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando ed i vertici dell’AMAP S.p.A. “E’ finita ogni inaccettabile ipotesi di turnazione dell’acqua – ha dichiarato Orlando  – alla quale l’Amministrazione di Palermo si era fermamente opposta. Tuttavia, non è sufficiente opporsi soltanto: bisogna comportarsi in maniera tale da rendere la turnazione non più necessaria. E noi ci siamo riusciti, la missione è compiuta, in appena tre mesi, grazie all’impegno dell’Amap ed al sostegno delle amministrazioni comunali. Trentaquattro comuni, che voglio ringraziare – ha aggiunto – hanno  aderito a questa straordinaria esperienza ed oggi, dopo cinque anni in cui andava persa, con lo spreco di un acquedotto Nuovo Scillatoenorme e prezioso patrimonio, adesso l’acqua di Scillato può finalmente essere utilizzata.”

La Presidente dell’Azienda, Maria Prestigiacomo, ha dichiarato che “l’AMAP in sinergia con il Comune di Palermo si è attivata a Realizzare il ripristino provvisorio della condotta di Scillato, per evitare, visto il periodo siccitoso, la turnazione idrica nella nostra Città. Adesso chiediamo alla Regione, che ha svuotato la diga Rosamarina del 40% a causa dei problemi strutturali, che era la risorsa pluriennale in caso di siccità, di impegnarsi a risolvere i problemi di Rosamarina e a finanziare al più presto ad AMAP il by-pass definitivo di Scillato che è inserito nel patto per il sud”.



Commenti

Post nella stessa Categoria