Jeep Cherokee, il restyling di un mito

Jeep Cherokee, il restyling di un mito
27 gennaio 2018

Cinque anni fa, quando fu svelato, in tanti rimasero a bocca aperta. Alcuni, però, storsero anche il naso. La Jeep Cherokee del 2013, con quel muso affusolato, i fari sdoppiati e ridotti a due sottilissimi fregi orizzontali e la calandra curva rappresentavano una vera e propria rivoluzione nella tradizione stilistica del marchio statunitense. Oggi Jeep approfitta del classico restyling di mezza vita del modello per tornare in un certo senso sui propri passi e rispondere meglio ai gusti degli affezionati. La nuova Cherokee, così, torna a un look più tradizionale. Accoglie davanti una mascherina meno pronunciata, fari più grandi e un paraurti ridisegnato. Le proporzioni tra gli elementi cambiano e l’armonia generale ne guadagna. Dietro, oltre ad una serie di ritocchi estetici, arrivano i fari a Led e un portellone con maniglia integrata (che può essere azionato anche elettricamente).

Iniezione di tecnologia. Ma sulla Jeep Cherokee non si è guardato solo all’estetica. Il nuovo modello è più spazioso e con un bagagliaio più grande (765 litri) grazie alla plancia dal nuovo disegno e una ridistribuzione degli elementi interni. Introduce inoltre il sistema di infotainment UConnect di ultima generazione: ha massima connettività con smartphone e dispositivi esterni e touchscreen da 7” che, sui modelli più lussuosi, aumenta fino a 8”4. Migliora anche la dotazione in tema di sicurezza attiva, con cruise control adattativo, avviso di supermanento involontario della carreggiata e sistema di frenata automatica d’emergenza.

Un nuovo 2.0 benzina. Per quanto riguarda la gamma motori, la nuova Jeep Cherokee dovrebbe confermare la presenza a listino dei già noti 2.0 e 2.2 MultiJet e del V6 3.2 a benzina e aggiunge a questi un 2.0 turbo benzina da 270 CV e 400 Nm di coppia che farà più gola sul mercato americano che in Europa. Due le trasmissioni: manuale a sei marce o automatica a nove rapporti. Su tutte sarà presente di serie una versione aggiornata – più leggera ed efficiente – della trazione integrale Jeep Active Drive, che in condizioni di marcia normali trasmette motricità alle sole ruote anteriori e che, in caso di necessità, trasferisce in automatico parte della coppia al retrotreno. Ad essa è abbinato il sistema Select-Drive, che attraverso un’apposita manopola sul tunnel centrale permette di scegliere tra diversi programmi di guida in base al fondo sul quale si sta avanzando.

In collaborazione con www.revup.it



Commenti

Post nella stessa Categoria