Mini 2018 dettaglio e sostanza

Mini 2018 dettaglio e sostanza
1 maggio 2018

Mostrato a gennaio al NAIAS di Detroit il restyling Mini e da circa quindici giorni sul mercato. Un lifting molto leggero, che riguarda tutta la gamma, ossia la classica 3 porte, la recente 5 porte e la romantica Cabrio.

Loghi, luci e bandiere – L’estetica della Mini 2018 è stata ritoccata nei consueti punti-chiave iniziando dalle fanalerie dove tuttavia l’upgrade è soprattutto tecnico: i fari anteriori, accentuati da elementi in nero nella versione con lampade tradizionali, cambiano design con il pacchetto Led che prevede luci diurne e indicatori di direzione ad anello mentre gli abbaglianti sfruttano la tecnologia Matrix, con quattro elementi per fanale che si accedono in modo selettivo e intelligente per illuminare senza abbagliare. In aggiunta con questo pack anche i gruppi ottici posteriori diventano a Led e adottano una trama con la forma dell’Union Jack, la tripla croce sovrapposta che caratterizza la bandiera del Regno Unito, formata da una striscia orizzontale per gli indicatori di direzione, una verticale per le luci di posizione e due diagonali per gli stop . Puramente estetici sono poi gli altri ritocchi, come i loghi Mini, (anche interni) ora piatti e bidimensionali, i cerchi in lega da 17” a due toni e il pacchetto Piano Black Exterior, con finiture in nero lucido estese anche alla cornice della calandra. Inoltre, le tinte metallizzate Emerald Grey, Starlight Blue e Solaris Orange si aggiungono alla tavolozza dei colori disponibili. Anche dentro le principali novità fanno riferimento a materiali ed accessori opzionali: nuove pelli, diversi rivestimenti interni e un programma di personalizzazione chiamato Mini Yours Customized, con cui i clienti possono realizzare essi stessi la grafica e il design d alcuni elementi e vederli realizzati con moderne tecniche di stampa 3D e incisione al laser. Quanto alla dotazione di serie, ora include un nuovo volante multifunzione e una radio con display da 6,5” mentre tra le opzioni per la connettività è arrivata la tecnologia a induzione per la ricarica wireless dei cellulari

Motori aggiornati e un cambio in più Con il Model Year 2018 l’intera gamma motori delle Mini 3 porte, 5 porte e Cabrio è stata rivisitata con varie ottimizzazioni, come l’aumento della pressione di iniezione sia dei benzina sia dei Diesel, e componenti riprogettati o alleggeriti riducendo consumi ed emissioni anche del 5%. I motori benzina 3 cilindri dei modelli One e One 55 kW sono cresciuti in cilindrata, adottando il monoblocco da 1,5 litri della Cooper in luogo del 1.2 precedente, e pur mantenendo le potenze di 102 e 75 CV hanno elevato i valori di coppia di 10 Nm ciascuno. La grande novità del reparto meccanico sta però nella disponibilità di ben due cambi automatici in alternativa al manuale a sei marce di serie: il classico Steptronic, ora a otto rapporti, è offerto in opzione per la Cooper SD, mentre i modelli One, Cooper, Cooper S e Cooper D possono essere equipaggiati con un inedito Steptronic DCT a doppia frizione e sette rapporti. Entrambi i cambi automatici dispongono della funzione coasting che disaccoppia la trasmissione in alcune fasi di marcia a velocità di crociera. Inoltre, lo start&stop intelligente ora riceve informazioni anche da telecamere di sicurezza e navigatore ed è in grado di riconoscere le situazioni in cui non è opportuno effettuare lo spegnimento automatico, come ad esempio gli arresti momentanei in prossimità di incroci e rotatorie.

In collaborazione con www.revup.it



Commenti

Post nella stessa Categoria