Caro Saro sindaco o sindaco Saro

Caro Saro sindaco o sindaco Saro
27 settembre 2018

Caro Saro sindaco o sindaco Saro, permettimi questa confidenza perché, come dici tu, sei il sindaco di tutti. Avrei potuto procedere bannando il tuo profilo sulla nostra pagina Facebook, esattamente come hai fatto tu con me, ma noi, al nostro giornale, diamo spazio a tutti, senza guardare il colore o l’azione politica.

Stai sereno, continueremo a dare spazio alle tue repliche perché, con passione, come ha detto Sofia D’Arrigo in un suo post, proviamo a informare la gente.

Con tanta delusione sono costretto a rispondere alla tua replica che sembra, più che altro, un tuo sfogo personale per cercare di celare l’incapacità di non aver trovato una soluzione a un problema che ha interessato la Città.

Il pezzo che ho scritto ieri era intriso di amarezza mista a rabbia perché, nonostante i fiumi di parole, dell’incendio del 2016, tutti se ne sono rapidamente lavati le mani, lasciando ai cittadini i sacrifici di una vita ridotti in cenere.

Nessuno aveva tirato in ballo l’amministrazione e il suo operato. Era solo stato scritto che Cefalù era rimasta fuori da questo provvedimento dello Stato che aiutava i comuni interessati, negli scorsi anni, da stati emergenziali.

Nessuno aveva additato responsabilità del sindaco nella vicenda o aveva chiamato in causa l’immobilismo politico e amministrativo che non ha consentito ai cittadini di poter essere risarciti per quello che avevano perso.

Non mi soffermo nemmeno nel citare proverbi latini che richiamano alle scuse, sarebbe troppo facile. I nostri lettori giudicano quotidianamente il nostro operato e se continuano a seguirci significa che non operiamo poi così male.

Uno solo il mio rammarico. Se avessi continuato ad usare la Panda ho la certezza che avresti avuto la possibilità di svolgere qualche viaggio in più verso il Capoluogo per bussare nelle stanze dei bottoni.

Avrei volentieri postato questa mia risposta anche sul tuo profilo e sui gruppi Facebook da te gestiti, ma purtroppo i il sindaco di tutti, colui che ama il confronto, mi ha bannato.

Con immutata stima

Giuseppe Livecchi



Commenti

Post nella stessa Categoria