Troppi “mizzica” nelle sue opere “Shakespeare è siciliano”

Troppi “mizzica” nelle sue opere “Shakespeare è siciliano”
16 ottobre 2013

I siciliani vogliono prendersi William Shakespeare. Il ragionamento è questo: uno che nasce a Statford on Avon perché mai ambienta 15 resizerdei suoi 37 drammi in Italia? E perché mai dovrebbe farcire la sua commedia  “Much ado abuout Nothing” di espressioni tipicamente sicialini tipo “mizzica”? E ancora: lo stesso titolo “Molto rumore per nulla” richiamerebbe il detto “Tantu trafico ppi nenti”scritto da Michelangelo Florio nel 1579, mentre il volumetto «I secondi frutti», scritto sempre da Florio e pubblicato nel 1583, conterrebbe molte citazioni presenti nell’Amleto, scritto molti anni dopo. Per questo i presidente del consiglio comunale di Messiana, Giuseppe Previti, ha inviato una lettera direttamente alla Regina Elizabeth Alexandra Mary, all’ambasciata italiana a Londra, al ministero per i beni culturali e a quello per gli affari esteri, per affermare le origini siciliane del drammaturgo.

Continua a leggere http://www.liberoquotidiano.it/mobile/articolo.jsp?id=837943#.Ul5-5fnIa2Z



Commenti

Post nella stessa Categoria