Palermo: arrestato latitante tradito dal vizio del gioco

21 June 2014

I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Piazza Verdi hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, per i reati di detenzione ai fini di spaccio e detenzione di arma , emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Palermo nei confronti di Benedetto Badalamenti, nato a Bari, classe 1970, residente a Palermo.

L’ordinanza scaturisce da una prolungata ed articolata attività investigativa svolta dai militari: nel mese di marzo era stato arrestato dai Carabinieri perché trovato in possesso di armi e cocaina. Il Tribunale ne aveva disposto l’accompagnamento agli arresti domiciliari in attesa della decisione sulla misura che prevedeva poi la reclusione in carcere.  L’uomo ha quindi organizzato la sua fuga nei minimi dettagli. Immediato è scattato il mandato di cattura emesso dalla Procura, dopo le vane ricerche dei Carabinieri del neo-latitante. Le abitazioni dei parenti, della moglie e di alcuni amici venivano sorvegliate in maniera assidua e discreta dai militari del Nucleo Operativo della compagnia di Piazza Verdi.

A far cadere il latitante è stata proprio una sua passione : il gioco. Ieri pomeriggio, il ricercato veniva visto entrare in una sala giochi via Gaspare Palermo e i militari decidevano di intervenire. Le fasi dell’arresto sono state fulminee: l’uomo non ha opposto resistenza, era privo di armi ed indossava un cappellino per nascondersi dagli sguardi indiscreti. Ai Carabinieri che lo hanno ammanettato, sotto gli occhi della moglie, ha detto “prima o poi me lo aspettavo”. Una latitanza durata più di tre mesi e conclusasi con la reclusione presso il carcere “Ucciardone”. L’uomo rischia ora di scontare diversi anni di carcere.



Commenti

Post nella stessa Categoria