Controlli straordinari dei carabinieri nel quartiere ballarò

Controlli straordinari dei carabinieri nel quartiere ballarò
6 novembre 2014

Nella serata di ieri, e per il corso di tutta la nottata, i Carabinieri hanno effettuato una serie di controlli straordinari nel quartiere Ballarò nell’ambito dei quali hanno individuato un vero e proprio market della ricettazione e trovato, dentro una stalla autorizzata, della Marijuana nascosta in una carrozza.

I Carabinieri della stazione di Piazza Marina hanno notato, nel cuore della notte, quattro sospetti armeggiare con della merce su una vecchia BMW con targa rumena; nemmeno il tempo di fermare la corsa e i quattro si sono dileguati per i vicoli abbandonando tutto così per come stava. Televisioni di ultima generazione, un tablet, una torcia ed un mazzuolo hanno fatto si che i militari si mettessero sulle tracce dei quattro fermando MATEI Costantin, nato in Romania, classe 1984, residente a Palermo.  Gli accertamenti condotti sul tablet hanno poi permesso di scoprire il nome ed il numero di telefono del suo proprietario: un ignaro professionista, che attualmente si trova in vacanza in Arabia Saudita, che così ha scoperto che la sua casa di Selinunte era appena stata svaligiata; notizia confermatagli dal proprio genitore che in nottata raggiunto la villetta di Selinunte verificando che era da poco stata saccheggiata. Scoperta la provenienza del bottino i militari hanno perseverato nella ricerca del resto della refurtiva arrivando ad individuare gli altri tre malfattori che nuovamente stavano scaricando una Opel Corsa vecchio tipo: quattro televisori  LCD, una playstation, una webcam, hard disk esterni e orologi di marca che sono stati recuperati prima che potessero essere immessi sul mercato del ricettato.
Al controllo i tre si disperdono nei vicoli del quartiere Ballarò ma i Carabinieri riescono a fermare un altro giovane rumeno identificato in  PUSCASU Andei Ionut nato in Romania, classe 1990, residente a Palermo, arrestato insieme al suo connazionale con l’accusa di furto aggravato in concorso e ricettazione; ora in attesa del rito per direttissima.

Sono ancora in corso le indagini per l’individuazione degli altri due complici mentre la BMW e la Opel Corsa sono state  poste sotto sequestro e ispezionate dai Carabinieri della sezione investigazioni scientifiche del Comando Provinciale di Palermo.

Molta della merce recuperata è stata riconosciuta dal proprietario del Tablet che, dall’Arabia, ha descritto minuziosamente ai militari quanto asportatogli riuscendo ad individuare come suoi due televisori, una Playstation ed altro.

Nel medesimo controllo straordinario effettuato all’interno del popolare  quartiere Ballarò i Carabinieri, dopo avere scoperto il market della ricettazione, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio TAORMINA GIUSEPPE, nato a Palermo classe 1992, ivi residente, poiché durante una perquisizione estesa ad una stalla a lui in uso, veniva trovato in possesso  di  70 bustine di marijuana, per un totale di 112 grammi, occultate sotto il cuscino di una tradizionale carrozza palermitana ivi custodita per conto di uno dei molti caratteristici “Gnuri” che propongono tour turistici del centro storico.

La sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro insieme alla somma contante di euro 1.140, suddivisa in banconote di piccolo taglio, ritenuta provento dell’illecita attività. Il TAORMINA è stato tradotto presso la casa circondariale “Ucciardone” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



Commenti

Post nella stessa Categoria