Rapine e sequestri in trasferta, arrestati 5 palermitani

15 gennaio 2015

Associazione a delinquere finalizzata alle rapine pluriaggravate ed ai sequestri di persona: queste le accuse che hanno portato in carcere cinque palermitani ritenuti responsabili, dalla Procura della Repubblica di Monza, per una serie di “colpi” negli istituti bancari di Cusano Milanino, Bresso e Senago (tutti in provincia di Milano) compiuti nell’estate del 2013.

Gli autori dei reati accedevano all’interno degli istituti di credito all’orario di chiusura, praticando dei fori nel muro perimetrale del piano interrato. Una volta all’interno, i malviventi intimavano ai responsabili delle filiali di procedere all’apertura della cassaforte, provvedendo anche ad asportare il contenuto delle cassette di sicurezza. All’esito dei vari colpi i dipendenti degli istituti di credito venivano immobilizzati con delle fascette da elettricista.

Gli accertamenti documentali, i tabulati di traffico telefonico delle celle radio-base, nonché i riscontri effettuati sulle liste di imbarco di aerei e traghetti provenienti dalla siciliana, portavano ad individuare alcuni dei componenti del sodalizio. I preliminari sospetti si concentravano infatti su alcuni soggetti originari di Palermo che, in occasione delle rapine analizzate, effettuavano dei viaggi dal capoluogo siciliano fino a Milano, utilizzando diversi mezzi di trasporto e modificando i nominativi nelle liste di imbarco per non essere identificati.

Dopo una serie di intercettazioni telefoniche ed ambientali, fino al mese di febbraio 2014, quando i cinque sono stati arrestati in flagranza di reato in una banca di Buccinasco.



Commenti

Post nella stessa Categoria