Petralia Sottana, PAES approvato dalla Comunità Europea

Petralia Sottana, PAES approvato dalla Comunità Europea
18 febbraio 2015

Un altro importante traguardo sul piano della sostenibilità ambientale e la qualità della vita è stato raggiunto da Petralia Sottana. Il piccolo centro nel cuore delle Madonie si conferma precorritrice nelle politiche del risparmio energetico e delle produzioni di energia da fonti rinnovabili.

La politica dell’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Santo Inguaggiato, volta a utilizzare le fonti rinnovabili, all’azione informativa e formativa ed alla creazione delle condizioni per trasformare queste iniziative in occasione di sviluppo per Petralia Sottana, è già stata valutata come best practice da”QualeEnergia”, la rivista promossa da Kyoto Club, Legambiente, AzzeroCO2, oltre che l’attribuzione alla cittadina della Bandiera Arancione del Touring Club non solo per il suo patrimonio storico, culturale e naturalistico di pregio, ma anche per la sua qualità ambientale.

Da pochi giorni un altro  importante obiettivo raggiunto: la notifica di accettazione dell’adesione al Patto dei Sindaci da parte del Covenant of Mayors Office (CoM Office) della commissione Europea.

Ad oggi solo tre comuni siciliani sono riusciti ad ottenere questo importante risultato, e Petralia Sottana è l’unico comune con il Piano d’azione accettato dalla comunità Europea che conta degli esempi di eccellenza: le case popolari nel centro storico, l’Ecosportello e la riqualificazione dell’ex centrale idroelettrica di Catarratti del 1908.

L’accettazione del PAES è  precondizione per l’accesso alle risorse del nuovo ciclo di programmazione dei fondi comunitari 2014-2020 in tema di efficienza energetica e rinnovabili. In parole povere, chi non avrà il PAES per tempo sarà tagliato fuori dai fondi dei prossimi anni. Per la Sicilia sono previsti 5 miliardi di euro. Una opportunità che tanti comuni siciliani hanno rischiato di perdere poiché alla scadenza del bando, 30 settembre 2014, su 390 comuni siciliani 256 sono risultati  firmatari del Patto ma solo otto di questi avevano presentato il PAES, tra cui Petralia Sottana. La proroga della scadenza dei termini al 31 gennaio 2015 ha permesso a quasi tutti i comuni firmatari di presentare il PAES e aprirsi ad una importante opportunità di sviluppo.

 

L’Amministrazione comunale di Petralia Sottana ringrazia i professionisti concittadini che a km zero hanno redatto il piano, sistematizzando le varie iniziative ed i diversi progetti che nel corso degli anni sono stati e saranno realizzati ed il Consiglio comunale che in data 5 aprile 2014 ha approvato il Piano.



Commenti

Post nella stessa Categoria