Dall'Eccellenza alla terza categoria, il punto sul weekend
La Castelbuonese blocca Mascara e a Geraci è pronta la festa

9 marzo 2015

editoriale calcioE’ spettacolo è stato. Il Failla ha riaperto i battenti nell’occasione migliore, nell’occasione in cui la Polisportiva Castelbuonese ha dimostrato di meritare la categoria, e forse anche qualcosa in più. Finisce 1 a 1 il big match contro il Siracusa di Mascara, e ad avere rimpianti è la squadra che meno ci si aspetta. Giglio aveva portato in vantaggio i granata, e solo nel finale i primi in classifica hanno agguantato il pari. Un’occasione persa, visto l’andamento della gara, per la Castelbuonose, che resta a un punto di distacco dal quinto posto, occupato dall’Acireale, e a 13 dalla Città di Scordia, che viaggia appena dietro il Siracusa (-2). Per cui, in questo finale di campionato, i granata dovranno cercare di guadagnare una posizione in classifica e scendere al di sotto dei 10 punti di distacco dalla seconda in classifica.

In Promozione grandissima vittoria del Cefalù, che piega il CUS Palermo, secondo in classifica, con un perentorio 3 a 1, firmato Ceraulo, Cane e Vaiana, e portandosi a -2 dal club palermitano. Non ne approfitta il Rocca di Caprileone, che fallisce l’occasione di portarsi a +10 sul secondo posto, facendosi clamorosamente battere per 2 a 1 dal Ciappazzi, che di contro conquista punti fondamentali in ottica salvezza. Brusco passo falso anche per il Castelbuono, che perde 1-0 in casa dell’Iniziativa, e si fa scavalcare dal Cefalù. La mini classifica dal secondo al quarto posto vede Cus a 52 punti, Cefalù a 50 e Castelbuono a 49. Il piazzamento potrà essere decisivo, sia per il fattore casa nei play off, sia perchè se la seconda distasse più di 10 punti dalla quinta, si troverebbe direttamente nella finale play off. E per il momento i punti che dividono il CUS con il Mistretta sono 13, anche se questi non hanno disputato la gara di giornata contro la Santangiolese per impraticabilità di campo, e devono quindi recuperare una partita. In coda brutta sconfitta per la Stefanese, che perde 4 a 2 a Sant’Agata e si allontana dal treno salvezza. Le concorrenti infatti prendono tutte punti. Il Campofelice vince 4 a 3 contro un Montemaggiore ormai privo di speranze salvezza, il Real Calcio Finale, con gol di Città, pareggia a Sinagra, e Ciappazzi e Iniziativa, come detto, a sorpresa fanno bottino pieno.

In prima categoria, nel girone B, il Caltavuturo tiene testa al Caccamo per gran parte del match, ma perde 3 a 2 e si ritrova sempre più nel baratro. Stesso discorso per il Cerda, battuto 2 a 1 a Bagheria, e distante adesso 5 punti dalla zona salvezza. Lascari e Roccapalumba non si fanno male, e l’1 a 1 le tiene momentaneamente sopra la linea rossa, non oltrepassata dal Collesano, che perde per 3 a 2 il match salvezza contro il Lercara. Adesso, fra il Castellaccia ed il Lercara, vi sono 7 squadre in 4 punti, oltre al Cerda, 3 lunghezze sotto. La metà di queste disputeranno i play out.

Nel girone C, il Gangi, con doppietta di Gianluca Patti, batte per 3 a 1 il Nissa, e approfittando del pareggio del Canicattì, bloccato sullo 0 a 0 ad Enna, si porta a -11 dalla seconda. Allo stesso tempo, a sopresa, l’Atletico Caltanissetta cade in casa (0-2 contro il Real Suttano), e la distanza che lo divide dal club madonita è di soli 3 punti.

Nel girone D, pari a reti bianche fra Acquedolcesi e Gioiosa, con la squadra degli atleti di Finale di Pollina, Madonia, Biundo, Tumminello e Martorana, che resta a +14 sugli avversari, vantaggio più che sicuro e che gli farebbe evitare la disputa dei play off. Nello stesso girone desta scalpore la prima sconfitta dopo 22 partite per il Barcellona, che, pur mantenendo 10 punti di distacco sulla seconda e 24 sulla terza, perde 2 a 1 in casa del Montagnareale, che con questo successo si porta fuori dalla zona play out.

In seconda categoria il Geraci sbanca in casa del Real Casale con un prepotente 6 a 2. Domenica prossima può già essere festa promozione con 3 turni d’anticipo. Dietro il Gangi fa il suo dovere, e batte 3 a 1 il Tusa, quinto, portandosi a +13 e mettendo una serie ipoteca sulla finale play off senza dover passare il primo turno. Ma non bisogna calare la guardia, visto che il Rosmarino batte 2 a 0 il Bompietro e rimane 4 lunghezze più giù. Per il Bompietro, invece, l’incubo retrocessione va sempre più materializzandosi.

In terza categoria il Fair Play Lercara stoppa la capolista Stella del Mare, 2 a 2 il risultato finale. Ma il distacco sulla seconda sembra tranqullizzante, visto che il Polizzi, pur vincendo 2 a 0 ad Aliminusa, resta a -6, e deve guardarsi le spalle da un Super Pollina, che vince pure contro l’Ersal Termini, 3 a 1 il risultato finale con gol di Emanuele Caruso, bomber Davide Tumminello e Stefano CangelosiA proposito di bomber, non manca la firma di Peppe Botindari nel weekend di terza. Ma il suo gol non basta, visto che l’Alia non muore mai, e Fricano al 90esimo realizza il pari. Il San Mauro, infine, con le marcature di Maurizio Fertitta e Gioacchino Botindari, batte l’Alimena per 2 a 0.

Angelo Giordano



Commenti

Post nella stessa Categoria