Ford Mustang Bullitt, una sportiva da cinema

Ford Mustang Bullitt, una sportiva da cinema
31 gennaio 2018

Se dite muscle car a un americano, molto probabilmente lui vi risponderà Ford Mustang. Dagli anni Sessanta, infatti, la coupé dell’Ovale Blu incarna il concetto di auto sportiva Made in USA come poche altre. Un concetto che non si limita ai confini degli Stati Uniti, ma che nel corso degli anni ha fatto il giro del mondo, condizionando la cultura automobilistica di molti altri Paesi. Il merito, ovviamente, va anche e soprattutto al ruolo da protagonista che la Mustang ha ricoperto in diversi film di Hollywood. Uno su tutti: Bullitt. Chi non ricorda la mitica Ford Mustang verde guidata da Steve McQueen? Oggi, a cinquant’anni dall’uscita nelle sale del film, Ford presenta la nuova Mustang Bullitt, diretta erede di quella fastback del ’68 che ha fatto innamorare della Mustang, intere generazioni.

Verde o nera. La nuova Ford Mustang Bullitt, così come il modello al quale è ispirata, è disponibile nell’inedita tinta Dark Highland Green, con cerchi neri a cinque razze. Su richiesta, però, è possibile sceglierla anche con verniciatura Shadow Black. Di forte richiamo alla Mustang Bullitt originale è anche la griglia anteriore nera con trama a nido d’ape, mentre nel posteriore, spicca la grande scritta Bullitt al centro del portellone.

V8 dalla voce inconfondibile. Proprio come la protagonista del film, anche la nuova Ford Mustang Bullitt sfoggia una meccanica profondamente modificata. La base di partenza è quella offerta dalla Mustang GT, che adotta il V8 di 5 litri di casa Ford. Sulla Bullitt, però, è presente il Performance Package, che porta la potenza del motore a 475 CV e la coppia a 570 Nm. Tutto nuovo è anche lo scarico sportivo, che lavorando in accordo con un sistema di aspirazione preso in prestito dalla Shelby GT350, dona alla Mustang Bullitt il classico suono gorgogliante delle muscle car di fine anni Sessanta.

A seguito di tutte queste modifiche, naturalmente, è stata prevista anche una nuova taratura della centralina, che permette alla nuova Bullitt di raggiungere i 263 km/h. Insomma, una vera sportiva tutta da guidare. Steve McQueen ne sarebbe fiero e siamo certi che nel guardarla ripeterebbe una delle sue frasi più celebri: “gareggiare è vita. Tutto ciò che viene prima o dopo è soltanto attesa”.



Commenti

Post nella stessa Categoria