La notte da incubo di una giovane violentata

La notte da incubo di una giovane violentata
17 agosto 2018

Ha trovato la forza di denunciare e raccontare tutto ai Carabinieri una giovane colombiana in vacanza a Palermo.

La notte di Ferragosto ha vissuto l’incubo della violenza da parte di due uomini, palermitani, quindi la rapina e l’abbandono nelle campagne di Carini sopraggiunta l’alba. Ha solo 22 anni e si trovava in vacanza nella capitale con la sorella gemella e un amico; insieme alloggiavano presso l’hotel San Paolo. Quella sera aveva bevuto abbastanza e, rientrata in camera, aveva litigato con la sorella, fino alla decisione di anticipare il rientro a casa, previsto per il 24 agosto.

Una scelta non lucida e in preda alla collera che l’ha condotta per strada – un tratto ripreso da diverse telecamere, visionate poi dai carabinieri che hanno ricostruito i fatti – a camminare fino a Piazza Rivoluzione. E’ qui che ha incontrato un ambulante, volto che in quei giorni aveva riconosciuto più volte, e due palermitani che le hanno subito offerto un passaggio per l’aeroporto in cambio del solo pagamento del costo della benzina.

Violentata, rapinata e abbandonata nelle campagne di Carini all’alba. E’ stata la notte da incubo di una turista colombiana a Palermo. La ragazza ha, però, trovato la forza di fermare un passante e far scattare l’allarme ai carabinieri che l’hanno accompagnata in ospedale prima di ricostruire l’accaduto.

L’aggressione si è consumata solo quando, al terzo distributore, la carta di credito della giovane non aveva funzionato. I due hanno cambiato atteggiamento fino alla violenza sessuale nel tragitto verso l’aeroporto concluso con la rapina e l’abbandono in campagna.

Sono bastate 48 ore di indagini, però, ai Carabinieri grazie anche alle telecamere dell’hotel, stradali e dei distributori di carburante per risalire all’Alfa 147 grigia degli aggressori e da questa, intestata alla compagna di uno dei due, ai  presunti responsabili: Giuseppe Emanuele Ruisi, 26 anni e Francesco Castellese, 36 anni.

I due sono stati arrestati e dovranno, adesso, rispondere di violenza sessuale e rapina aggravata. Al vaglio degli inquirenti la posizione di una terza persona, proprio l’ambulante che in piazza Rivoluzione avrebbe presentato la ragazza ai due garantendo per loro



Commenti

Post nella stessa Categoria