Castelbuono, liceo scientifico senza riscaldamenti: studenti in ribellione

Castelbuono, liceo scientifico senza riscaldamenti: studenti in ribellione
9 gennaio 2019

Istituto al freddo al rientro dalle vacanze natalizie: gli alunni del liceo scientifico Failla Tedaldi di Castelbuono subiscono le conseguenza della mancata assegnazione dei fondi per l’acquisto del gasolio che alimenta i riscaldamenti.

Così, da lunedì va avanti la protesta. Fare lezione in quelle condizioni non è possibile, le aule e gli ambienti non sono riscaldati. Le ex province sono nel caos anche per altri disservizi, ma a scuola bisogna poter andare. Gli alunni hanno adottato l’arma dello sciopero per un diritto che viene loro negato, ma vorrebbero tornare a fare lezione quanto prima.

Mobilitato anche il sindaco Mario Cicero: “Ho attivato i contatti con la provincia per la fornitura del gasolio”. “Stiamo passando giorni complicati – racconta il rappresentate d’istituto Giuseppe Cicero – il 7 gennaio abbiamo scioperato all’interno del cortile, ma oggi siamo stati costretti a farlo fuori dalla scuola coinvolgendo anche le altre autorità”. La scuola aveva fatto richiesta per nuove forniture di gasolio già lo scorso novembre, un ulteriore sollecito il 2 gennaio, ma la risposta da parte dell’ente è stato negativo. “Giorno 10 e 11 gennaio non entreremo – continua Giuseppe – ma non solo, insieme agli altri rappresentanti ci stiamo mettendo in contatto con le altre scuole della provincia in modo da rendere più forte la nostra protesta”.

 



Commenti

Post nella stessa Categoria