SS 640: Conte incontrerà i creditori della Cmc

SS 640: Conte incontrerà i creditori della Cmc
12 marzo 2019

Dopo avere incontrato oggi il premier Giuseppe Conte e il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, presente il direttore regionale dell’Anas Sicilia, Valerio Mele, e il Rup, ing. Ettore De Cesbron De La Grennelais, nel cantiere in contrada Bigini, per sbloccare i lavori di ampliamento della Ss640 Agrigento-Caltanissetta e della Ss121 Palermo-Agrigento, il Comitato creditori della Cmc in Sicilia ha dichiarato: “Il premier Conte ci convocherà verso la metà della prossima settimana a Roma, assieme alla Regione e all’Anas. Ha confermato che per i lavori futuri Anas ci pagherà direttamente, mentre, riguardo ai crediti pregressi per circa 50 milioni di euro che vantiamo nei confronti della Cmc in concordato, è ferma intenzione del Presidente del Consiglio trovare una soluzione assieme a tutti gli attori di questa vicenda. Il tutto per arrivare all’obiettivo fissato da Conte, cioè completare le due opere in tempi celeri”.

Tutti noi – ha proseguito il Comitato – , cioè le 100 imprese tra affidatarie, subappaltatrici e fornitrici, e i 2.500 dipendenti, siamo rimasti profondamente colpiti dal fatto che il premier Conte ha mostrato responsabilità, misura, equilibrio politico e capacità decisionale. Abbiamo ringraziato lui e il ministro Toninelli per avere preso a cuore il nostro che è il problema di tutta la Sicilia. Entrambi, infatti, si sono resi conto che i due cantieri messi insieme rappresentano attualmente uno dei più grandi impianti d’Italia per realizzare un’opera che non solo connette velocemente e in sicurezza l’Ovest con l’Est della Sicilia, ma offre anche una funzionale alternativa e via di fuga in caso di interruzioni della vecchia autostrada Palermo-Catania che, dopo il crollo del viadotto Himera ancora non reintegrato, è interessata da un importante piano di manutenzione straordinaria con conseguenti e inevitabili ripercussioni sul traffico. E’ un atto di grande responsabilità politica, oltre che di amore per le nostre martoriate comunità, impegnarsi al loro rapido completamento”.

Abbiamo comunque scongiurato il Presidente del Consiglio a fare presto – ha concluso il Comitato dei creditori – a partire dallo sblocco dei primi 10 mln di euro che Cmc si è impegnata a pagarci e senza i quali non possiamo più acquistare i materiali per completare i cantieri che abbiamo riaperto lo scorso 28 febbraio. Inoltre, gli abbiamo denunciato le manovre in corso da parte di speculatori che, promettendo alla Cmc sostanziali ribassi, tentano di sostituirsi a noi nella titolarità delle opere che poi vorrebbero riaffidarci strozzandoci con ulteriori tagli su prezzi e pagamenti”.



Commenti

Post nella stessa Categoria