Operai Bluetc, il primo maggio davanti ai cancelli (foto)

30 aprile 2019

Mentre il tribunale di Torino ha confermato il sequestro per gli stabilimenti Blutec, è ancora buio il futuro per gli ex operai della Fiat di  Termini Imerese e domani, per l’ottavo anno consecutivo, sarà un primo maggio senza festa per le tute blu della Blutec, che si ritroveranno davanti ai cancelli della fabbrica di Termini Imerese proprio nella giornata simbolo del lavoro per rilanciare, ancora una volta, la necessità di trovare una soluzione all’annosa vertenza.

La manifestazione, organizzata da Fim Fiom e Uilm, si terrà nel viale che fino a sette anni fa portava il nome dell’avvocato Gianni Agnelli, ma dal 2013 intitolato al ‘1° maggio’. Il raduno comincerà alle 9,30 e si concluderà con l’intervento di Michele De Palma, segretario nazionale della Fiom.

“Il Primo Maggio per i lavoratori dell’ex Fiat di Termni Imerese, oggi Blutec, e dell’indotto non è un giorno di festa. Non lo è da ormai 8 anni quando la Fiat, oggi FCA, ha deciso di abbandonare questo territorio lasciando nell’incertezza oltre mille famiglie”. Ad affermarlo sono Ludovico Guercio segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani,  Antonio Nobile segretario provinciale Fim e Giacomo Raneri coordinatore Fim Termini Imerese, che stamani partecipano al sit in dei lavoratori Blutec davanti lo stabilimento. “Non è un Primo Maggio di festa ma è un primo maggio di speranza, di perseveranza e di lotta. I lavoratori sono determinati a non mollare. Non vogliono vedere svanire così il loro futuro e quello delle loro famiglie. Per questo oggi, organizzazioni sindacali e lavoratori, siamo davanti i cancelli dello stabilimento, per gridare con forza alla politica nazionale e regionale, all’azienda, a tutti colori che hanno responsabilità sulla vertenza che dobbiamo far ripartire il LAVORO”.  “L’amministratore giudiziario, confermato dal Tribunale, deve avere come obiettivo la reindustrializzazione del sito di Termini Imerese. Si riprendano, senza esitazione, le interlocuzioni con governo nazionale e regionale,  FCA chiarisca invece una volta per tutte se e come può contribuire a far ripartire il sito altrimenti si dia spazio ad altre opportunità”. Leonardo La Piana segretario generale Cisl Palermo Trapani conclude “portiamo le istanze dei lavoratori scesi in piazza oggi a Termini nella grande piazza della manifestazione nazionale Cgil Cisl Uil di Bologna, perché quella della incertezza del lavoro vissuta nel nostro territorio, è una emergenza nazionale che le istituzioni devono essere in grado di affrontare seriamente a differenza di quanto fatto finora. I lavoratori non vogliono assistenzialismo, vivere di cassa integrazione, gli ammortizzatori devono servire solo come ausilio al rilancio industriale. Dobbiamo ripartire dal lavoro per ridare dignità alla gente di questo territorio, per far in modo che anche per tutta la comunità di Termini Imerese il primo maggio sia davvero una giornata di festa”.



Commenti

Post nella stessa Categoria