Simone Campedelli e Tania Canton vincono la Targa Florio, Riolo e Rappa i più veloci tra le storiche

Simone Campedelli e Tania Canton vincono la Targa Florio, Riolo e Rappa i più veloci tra le storiche
11 maggio 2019

Vittoria di forza ed assolutamente meritata per Simone Campedelli e Tania Canton, con la Ford Fiesta R5 dell’Orange 1 Racing, che aggiudicandosi la 103^ Targa Florio, gara organizzata da Automobile Club Palermo e da Automobile Club d’Italia, si sono portati anche al comando della classifica del Campionato Italiano Rally.

Una gara, quella siciliana, sempre affascinante e seguita da un pubblico strabordante, che ha avuto due parti ben distinte.  La prima, che ha visto al comando fino alla undicesima delle diciassette prove speciali in programma, Luca Rossetti ed Eleonora Mori, con la loro Citroen C3 R5, per altro sempre inseguiti da vicino dalla Ford Fiesta R5 di Simone Campedelli.  La seconda, contraddistinta dal forte contrattacco proprio del romagnolo che ha iniziato a recuperare lentamente terreno fino al sorpasso decisivo. Forte e deciso quindi Campedelli, un po’ sfortunato invece, Luca Rossetti con la sua Citroen che ha iniziato, nel momento decisivo, a dare problemi di natura elettronica. Problemi che comunque non gli hanno impedito di cogliere la seconda posizione. Un’altra gara nella gara, conclusa con il terzo posto è stata quella di Andrea Crugnola, in coppia con Pietro Elia Ometto sulla VW Polo, Gass Racing. Il pilota di Varese è stato a lungo molto al di sotto delle aspettative, per poi raggiungere evidentemente un buon feeling con la sua vettura, la più nuova del lotto, ed iniziare ad ottenere tempi scratch di assoluto valore, cosa che gli ha consentito di raggiungere il podio finale, primo tra gli iscritti al CIRA, la serie tricolore su asfalto riservata ai piloti privati. Prova opaca, condita anche da un errore per Giandomenico Basso in coppia con Lorenzo Granai, anche lui su Skoda. Il veneto ha infatti subito perso, fin dai primi chilometri. La scia dei migliori, toccando poi a metà della seconda giornata con il posteriore e perdendo quella manciata di secondi che lo hanno cacciato ai piedi del podio. Tra le prove da sottolineare quelle di Stefano Albertini, in coppia con Danilo Fappani, sulla Skoda Fabia della Scuderia Mirabella Mille Miglia, quella di Rudy Michelini, con Michele Perna, su Skoda Fabia R5, della Movisport, quella di Kevin Gilardoni in coppia con Corrado Bonato, Hyundai i20, quella di Antonio Rusce e Marco Vozzo, Volkswagen Polo R5, e quella di Marcello Razzini con Gian Maria Marcomini, Skoda Fabia R5.
Per quanto riguarda il Campionato Italiano Due Ruote Motrici, terzo successo su tre gare per Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella, con la Peugeot 208 R2 ufficiale di Peugeot Italia. Il fiorentino sta ripagando nella maniera migliore la fiducia concessagli dalla filiale italiana del costruttore francese. La vittoria di Ciuffi è stata sicuramente la più difficile delle tre ottenute, con il lucchese Luca Panzani, navigato da Francesco Pinelli, che ha lottato a lungo, con la sua Ford Fiesta R2, con la quale è stato anche al comando per un paio di prove, dovendo soccombere poi alla maggior forza del “pacchetto” dell’avversario.

CLASSIFICA ASSOLUTA FINALE 103^ TARGA FLORIO: 1. Campedelli-Canton (Ford Fiesta St) in 1:29’11.7; 2. Rossetti-Mori (Citroen C3) a 11.7; 3. Crugnola-Ometto (Volkswagen Polo) a 12.7; 4. Basso-Granai (Skoda Fabia) a 48.0; 5. Albertini-Fappani (Skoda Fabia) a 59.9; 6.Michelini-Perna (Skoda Fabia) a 1’14.1; 7. Gilardoni-Bonato (Hyundai I20) a 2’43.1; 8. Razzini-Marcomini (Skoda Fabia) a 2’49.3; 9. Rusce-Vozzo (Volkswagen Polo) a 3’04.2; 10. Profeta-Raccuia (Skoda Fabia) a 7’56.7.

Era il più atteso e non ha tradito, Salvatore Totò Riolo centra il successo nell’edizione numero 103 della Targa Florio. Una vittoria guadagnata sin dai primi tratti della speciale spettacolo, che proietta nuovamente il pilota siciliano verso il vertice del Campionato Italiano Rally Auto Storiche. Riolo, in coppia con Gianfranco Rappa, ha spinto la sua Subaru Legacy Gruppo A sin dal primo tratto cronometrato al comando della classifica assoluta e in testa al 4° Raggruppamento. Per il driver di Cerda si tratta quindi del quarto sigillo alla Targa, risultato che gli offre anche il primato nell’albo d’oro della classica siciliana. Navigato da Gianfranco Rappa sulla Subaru Legacy, il pilota di Cerda portacolori CST Sport, tre volte vincitore assoluto della Targa Florio, ha vinto la tappa Tricolore raccogliendo punti preziosi in ottica campionato anche nel Quarto raggruppamento. Riolo, alla sua quarta vittoria nella Targa Florio Historic Rally, si è imposto in 12 delle 14 speciali in programma nella competizione “Historic”, con le eccezioni della PS7 e 13, i due passaggi su “Bergi”, per merito del driver bresciano Marco Superti e del navigatore palermitano Franco Granata. L’equipaggio della Porsche 911 in gara con i colori Rally Club Team, ha disputato una seconda tappa tutta in rimonta dopo i problemi al semiasse che li aveva costretti allo stop venerdì, concludendo quarti in ordine generale e al 2° posto in 2° Raggruppamento, alle spalle dei vincitori di categoria, l’equipaggio Island Motorsport del gentleman driver di Cefalù Mauro Lombardo e Rosario Merendino sulla prima delle Porsche 911 al traguardo. Con la rimonta sull’ultimo crono fino al secondo posto assoluto, ha festeggiando il trionfo nel 1° Raggruppamento il giovane di Collesano Pierluigi Fullone, che navigato da Michele Gargano si è imposto confermando il proprio dominio conquistato nelle ultime edizioni sempre vinte con la BMW 2002 curata da papà Rosario Fullone, sulla quale l’equipaggio madonita della Festina Lente si è trovato perfettamente a proprio agio. Fullone non si è fatto scappare la possibilità di salire sul podio, quando “Zippo”, navigato da Nicola Arena, su Audi Quattro è stato costretto a fermarsi a causa di un guasto meccanico proprio sulla conclusiva “Collesano”.

CLASSIFICA FINALE TARGA FLORIO HISTORIC RALLY: 1. Riolo-Rappa (Subaru Legacy Sedan) In 1:16’50.7; 2. Fullone-Gargano (Bmw 2002 Ti) A 4’33.5; 3. Lombardo-Merendino (Porsche Carrera Rs) A 6’36.3; 4. Superti-Granata (Porsche 911 T) A 11’00.8; 5. Pollara-Terenzio (Porsche 911 Sc) A 11’44.3; 6. ‘Red Devil’-Principato (Fiat X1/9) A 12’30.9; 7. Cristadoro-Marin (Peugeot 205 Rally) A 15’57.9; 8. Parisi-D’angelo (Porsche 911 S) A 16’06.6; 9. Valente-Devenu (Subaru Legancy Sedan 4wd) A 16’28.5; 10. Pirrone-Pirrone (Opel Kadett Gte) A 18’00.0.



Commenti

Post nella stessa Categoria