Atleta si accascia a terra all’arrivo del Giro Podistico, paura a Castelbuono

Atleta si accascia a terra all’arrivo del Giro Podistico, paura a Castelbuono
28 luglio 2019

Momenti di tensione massima sul finire del Giro Podistico di Castelbuono. Nella giornata di ieri si è svolta la gara “Vintage”, speciale corsa in tenuta d’epoca.

La gara è stata vinta da Calogero Di Gioia dell’Universitas Palermo, ma è stato il trapanese Pietro Spanò di 55 anni della La Volata Napola ad attrarre l’attenzione dei presenti, quando al termine della prova di 4 giri si è accasciato a terra.

È stata intuita subito la gravità del malessere e sono intervenuti i sanitari in servizio per la manifestazione e i medici. E’ stato massaggiato, defibrillato e salvato. Grazie ai piani sanitari vagliati ed approvati dalla centrale operativa 118 di Palermo alla manifestazione erano presenti anche medici e un’ambulanza medicalizzata con defibrillatore. Quanto successo dimostra che le nuove regole in materia di safety and security servono a salvare vite umane.

Spanò, dopo le misure di emergenza,  è stato portato precauzionalmente all’ospedale di Cefalù dove è stato sottoposto a coronarografia e a procedura di vascolarizzazione ed è rimasto in osservazione in terapia intensiva.

La 94/a edizione della storica corsa podistica invece, è stata vinta dal giovanissimo etiope Worku Tadesse (è junior e ancora non ha compiuto 18 anni) che ha battuto in volata il norvergese Sondre Nordstad Moen.

Stesso tempo, 34’33” sugli 11,340 chilometri del percorso, per i protagonisti di uno sprint che negli ultimi 300 metri li ha visti impegnati spalla a spalla fino all’ultimo centimetro e con il pubblico ad incitarli con un tifo da stadio.



Commenti

Post nella stessa Categoria