Studenti lanciano petizione per migliorare il servizio di trasporto pubblico

Studenti lanciano petizione per migliorare il servizio di trasporto pubblico
30 luglio 2019

Il servizio dei trasporti pubblici a Palermo è carente e problematico. Una città sempre più ambita da turisti italiani e stranieri, un polo universitario che annualmente accoglie centinaia di studenti da ogni parte della Sicilia (studenti per lo più non dotati di mezzi di trasporto autonomi), la Capitale della Cultura 2018, una città cosmopolita e progressista che tuttavia si mostra decisamente indietro rispetto alla possibilità di muoversi agevolmente con il trasporto pubblico.

La questione è rilevante su un piano sociale ed ambientale, vista l’esigenza sempre più concreta di usufruire in massa di tale servizio: la presenza di un sistema di trasporto pubblico efficiente permetterebbe di ridurre il traffico cittadino, i tempi degli spostamenti e soprattutto lo smog. E’ inammissibile questa mancata attenzione per una questione che abbraccia problemi tanto considerevoli ed ampi. È inammissibile, inoltre, che le segnalazioni ed i reclami rivolti nel tempo all’AMAT s.p.a siano stati ignorati e trascurati, con un atteggiamento che sembra quello di chi pensa di poter fare tutto ciò che vuole.

Non è così. Siamo stanchi e vogliamo che si inneschi un cambiamento. Vogliamo sollecitare l’amministrazione comunale e l’azienda AMAT s.p.a affinché trovi una soluzione reale e concreta ai numerosi disservizi cui è sottoposta la popolazione. Vogliamo che vengano rispettati gli orari di servizio, che si effettuino tutte le corse previste; ma soprattutto vogliamo che l’azienda doti tempestivamente di GPS tutti i mezzi, così da rendere possibile il monitoraggio dei tempi di attesa e l’orario di arrivo. GPS che, pur esistendo già in alcune linee, risultano spesso spenti e disattivati causando grandi disagi ai cittadini costretti ad aspettare a lungo senza avere la certezza che il mezzo effettivamente arrivi. Tutto questo è quanto già da anni succede in altre città di Italia, città cui non abbiamo altro da invidiare se non, forse, il senso civico.

Firma la petizione.



Commenti

Post nella stessa Categoria