Riolo e Rappa fanno loro il Tirreno

Riolo e Rappa fanno loro il Tirreno
13 agosto 2019

Il 16° Rally del Tirreno ha offerto emozioni continue durante una notte di grande sport ed alto agonismo che ha acceso la gara messinese organizzata da Top Competition. Vittoria per Totò Riolo e Gianfranco Rappa su Skoda Fabia R5 (foto Cannarella) curata dalla Pool Racing, l’equipaggio palermitano portacolori CST Sport che ha duellato per tutte e nove le prove speciali con i giovani dell’Island Motorsport Alessio Profeta e Sergio Raccuia anche loro su Skoda Fabia R5 preparata dalla I.M. Promotorsport. Appassionante il duello tra i due equipaggi in arrivo dalla provincia di Palermo che sono giunti sul penultimo crono con un distacco di soli 4”7, solo sull’ultima PS il gap è aumentato, complice una toccata di Profeta, così Riolo ha tagliato il traguardo con 41”9 di vantaggio. Il forte pilota di Cerda ha iscritto perla terza volta il suo nome nell’albo d’Oro della competizione messinese, dopo la vittoria del 2017 sempre con Rappa e quella del 2008.

 

Grandi sfide anche per il terzo gradino del podio ed il primato tra le due ruote motrici e del gruppo A dove ha avuto la meglio in netta rimonta sull’ultimo e decisivo crono il giovane e tenace Michele Beccaria al volante della Renault Clio Super 1600 made in BR sport navigato dal messinese David Arlotta per i colori della FR Motorsport. Il giovane ennese ha sferrato il suo attacco decisivo sull’ultimo crono, spodestando Angelo Bruno e Massimo Giacobbe, i messinesi del Team Phoenix, sodalizio jonico vincitore della classifica scuderie, mattatori della classe R3C per la prima volta sulla Renault Clio R3 della LB Tecnorally che hanno perso terreno proprio sull’ultimo crono complice qualche noia tecnica nella seconda parte di gara, chiudendo al 5° posto alle spalle del santateresino Giuseppe Nucita navigato da Maurizio Messina, anche loro su Renault Clio R3 ma con qualche capriccio al propulsore durante la gara, gestita con grande esperienza dal driver e dal due volte Campione italiano. Furi dai giochi a età gara Salvatore e Claudia Armaleo mentre con la Peugeot 207 erano in terza posizione.

Sesta posizione con successo messinese nella combattuta classe 1600 del gruppo A per un altro equipaggio messinese, quello formato da Giuseppe Arena e dal rientrante Mario Ciccolo su Peugeot 106, con cui hanno attaccato sin dalle prime battute di gara e sono stati pronti ad agguantare il comando di classe quando i più diretti avversari hanno dovuto alzare bandiera bianca. Settimi in classifica generale i messinesi della Sunbeam Motrposrt Antonino Armaleo e Marco Zaccone che hanno rimontato e sono saliti sul podio di classe R3C con la Renault Clio. Ottavo posto per Domenico Gangemi e Francesco Di Stefano, il driver più volte tricolore slalom che si è molto trovato a suo agio anche in una gara lunga ed articolata al volante della Peugeot 106, con cui si è classificato 2° di classe A6. Successo in gruppo N e noni in assoluto  i messinesi Maurizio Rizzo e Massimo D’Angelo che sulla Renault Clio RS hanno attaccato al momento opportuno in una classe N3 decisamente numerosa ed agguerrita. Top ten completata dai vincitori di classe K10 Antonino Sofia e Salvatore Giglio, anche l’equipaggio messinese su Peugeot 106 in versione kit.



Commenti

Post nella stessa Categoria