Il commissario Lo Presti ufficializza il primo caso di contagio da Coronavirus a Termini Imerese

Il commissario Lo Presti ufficializza il primo caso di contagio da Coronavirus a Termini Imerese
18 marzo 2020

Primo positivo al Coronavirus a Termini Imerese

Con una nota diffusa agli organi di stampa il commissario straordinario del comune di Termini Imerese, Antonio Lo presti ha ufficializzato la presenza di un soggetto positivo al Coronavirus nella cittadina del palermitano.

Le voci erano già in circolazione dal pomeriggio di ieri

Buongiorno, mi rivolgo a tutti i cittadini termitani per confermarvi che, com’è noto già da ieri, è stato riscontrato e comunicato alle Autorità comunali un caso di positività da COVID-19.

 

Si tratta di un soggetto asintomatico, in isolamento obbligatorio domiciliare.

 

Il soggetto ha effettuato il tampone, dal cui esito è scaturita la positività, in una struttura ospedaliera di Palermo, dalla quale con apposita ambulanza di contenimento è stato trasferito al proprio domicilio.

 

Le informazioni ricevute in merito sono state fornite agli Organi competenti, specificatamente al Dipartimento  di prevenzione dell’ASP per gli opportuni e conseguenti adempimenti.

 

La situazione è continuamente monitorata dai referenti del Centro Operativo Comunale, istituito ieri con Determinazione Commissariale n. 580, già pubblicata sul sito istituzionale.

Invito tutti a collaborare seguendo le direttive contenute nei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Presidente della Regione Siciliana, continuamente raccomandate dagli organi di stampa.

Per tre giorni sanificazione delle strade

Intendo comunicare, inoltre, che a tutela della cittadinanza dalla data odierna e per  tre notti consecutive (18, 19 e 20 marzo), partirà la sanificazione di tutte le strade del centro urbano.

 

Invito tutti i cittadini a stare a casa e ad osservare, con particolare attenzione in queste due settimane, tutte le procedure di sicurezza sanitaria necessarie;con la collaborazione di tutti, supereremo anche questo periodo.

 

Concludo dicendo, al di là del ruolo istituzionale rivestito e da buon padre di famiglia,  che faccio appello accorato al senso di responsabilità di ognuno, affinché insieme possiamo superare questa grave emergenza sanitaria per tornare al più presto a vivere la quotidianità.



Commenti

Post nella stessa Categoria