Coronavirus, Lapunzina si rivolge ancora ai cittadini di Cefalù

Coronavirus, Lapunzina si rivolge ancora ai cittadini di Cefalù
22 marzo 2020

Un nuovo appello di Lapunzina

“Rivolgo a tutti voi un accorato appello, non vi è alcun rischio di carenza di generi alimentari perciò non correte a fare la spesa -ha detto Lapunzina – cercate di comprare tutto ciò che vi occorre in modo da uscire una volta la settimana, e solo una persona a famiglia. Non affollatevi alla posta e in banca.

Le pensioni saranno pagate in più giorni 

Come è stato deciso dalle autorità competenti, le pensioni saranno pagate in più giorni e le principali scadenze sono state sospese o rinviate. Andate solo se strettamente necessario rispettando la distanza di almeno un metro ed evitando di fare lunghe file.
Recatevi in farmacia soltanto se strettamente necessario. E’ attiva la consegna dei  farmaci a domicilio a cura della Associazione Icare Onlus. Per usufruire del servizio gratuito è possibile contattare gli operatori al numero verde 800 926 223.

Cosa fare se avete la febbre o sintomi influenzali

“Se avete sintomi di febbre, mal di testa, tosse o mancanza di respiro chiamate il vostro medico di base – ha proseguito il primo cittadino – siamo nelle settimane cruciali in cui si attende il picco del contagio. Occorre evitare di stare esposti per non farci contagiare.
In assenza di un vaccino l’unico modo per fermare il virus è RESTARE A CASA.
Diamo tutti prova di responsabilità, disciplina e rigore. Eliminare i contatti ravvicinati significa arginare e, poi, sconfiggere il virus e tornare prima alla normalità.
Chi sottovaluta tutto questo mette a rischio la propria vita, quella dei suoi cari e del prossimo  perciò vi prego: restate a casa”.


Commenti

Post nella stessa Categoria