Covid19, Cefalù: gli aggiornamenti e le preoccupazioni del sindaco

27 aprile 2020

Disclaimer: non fermatevi al titolo o alle prime righe 


In serata il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, come tutti saprete, attraverso la diretta facebook ha aggiornato i cittadini sulla questione S. Ambrogio ufficializzando la negatività dei tamponi. Ottima notizia, non potevamo augurarci di meglio. Quale persona perversa e masochista avrebbe dovuto sperare o volere il contrario?
La diretta del primo cittadino è stata piuttosto breve e concisa, non lasciando dunque spazio a dubbi.
Eppure non tutti, evidentemente l’hanno seguita dall’inizio alla fine, o per lo meno hanno badato solo all’esito dei tamponi ed alla relativa bonaria tirata d’orecchie all’informazione che, accettiamo di buon grado.
Vale sempre una regola, chi fa sbaglia chi non fa non sbaglia mai.

14 min densi d’informazione

sindaco di cefalù LapunzinaIl primo cittadino, dopo aver tranquillizzato i cittadini ha anche parlato di tenere comportamenti responsabili, e si è soffermato su un particolare che riportiamo:
“per esempio ieri ho avuto immagini di assembramenti in terrazza, queste cose non possono essere assolutamente fatte. poi passa qualche drone e ci si accorge che si fanno cose che non si dovrebbero fare”.
Successivamente il sindaco afferma: “Se ci sono persone che pensano di poter tenere comportamenti difformi alle regole vi prego di farlo presente. Massima collaborazione con le FF OO e col Comune. Dobbiamo segnalare chiunque si comporti male. Chi non ha capito la pericolosità del virus  – continua Lapunzina – va fermato ed informato per il bene di chi rispetta le regole. Abbiamo multato chi è andato sulla rocca, grazie alle vostre segnalazioni, le segnalazioni servono a proteggere perché i comportamenti scriteriati mettono a rischio tutti “.
Ancora su Sant’Ambrogio, il sindaco ha affermato: “Le apprensioni che sono state anche del sottoscritto su S. Ambrogio non ci sono più. Tutto tornerà alla normalità”.

Reiterati inviti al rispetto delle regole e l’aiuto ai più deboli

Il Sindaco si sofferma anche sul corretto utilizzo di guanti e mascherine, sul trattamento e lo smaltimento dei dpi una volta utilizzati, e infatti specifica “si tratta di rifiuti speciali“.
Lapunzina ha anche parlato di un contributo fattivo per le fasce più deboli. Pur non dipendendo direttamente da lui ma dai trasferimenti dalla Regione, il sindaco si è impegnato a fornire aiuti economici per il pagamento dei canoni d’affitto e delle bollette. Ripetiamo, dipende dalla Regione e come specifica lo stesso Lapunzina, sarà non prima di maggio (inoltrato ndr).

Quando la “stampa” ha le fregole

Passino i cittadini, infervorati dalla preoccupazione, passino soprattutto i giovani e i loro video. Chi non è stato giovane scagli la prima pietra. Ma non chi fa(rebbe) informazione per professione o altri che da anni pontificano dai propri blog cefalutani.

Partiamo dai primi: in questo articolo,  scritto di fretta e probabilmente senza terminare la visione del video messaggio del sindaco. L’informazione è carente e lacunosa. Parrebbe proprio che l’autore avesse in animo – più che altro – smentire e disconoscere il giornale che ha diretto per anni, più che ben informare i suoi concittadini.
E’  inoltre improbabile che la notizia interessi particolarmente ai palermitani (‘epicentro’ del giornale da cui adesso scrive). Si parla di una certa stampa ma è notorio che il ‘polverone Sant’Ambrogio‘ lo abbia sollevato Cefaluweb.
L’autore dell’articolo pubblicato su blogsicilia ha strisciantemente  infangato cefaluweb, derubricandolo a ‘certa stampa locale’ , dimentico di quando tronfio si appendeva la medaglietta di direttore. Tronfio come – a dire dell’ex direttore di cefaluweb – sarebbe stato il sindaco nell’indossare la fascia di primo cittadino. A cui adesso,  dal suo ‘esilio’ sembra essersi così tanto allineato. Viva la coerenza.
Altri guru un tanto al chilo con l’amore per la verità quando coincide con gli interessi del padrone, hanno parlato – riferendosi a cefaluweb – di notizie allarmistiche, gente che resta disarcionata da cavallo ecc… ma hanno glissato sulle tante informazioni che ha dato il primo cittadino.
Costoro evidentemente hanno una visione assai distorta di sé stessi se amano tanto parlare per metafore, neanche fossero la reincarnazione di Socrate.
L’imperativo era tappare la bocca, diffamare, “mascariare”, non diffondere tutte le informazioni necessarie.

Si poteva far meglio, nel dare informazione circa i fatti della frazione cefaludese? Certamente! Si è generato allarme?  Anche (purtroppo).  Ma  anche grazie a questo si è data la stura ad una serie di controlli e indagini che fortunatamente hanno scongiurato il peggio.



Commenti

Post nella stessa Categoria