Discutono per una ragazza e rimedia una coltellata: un scena a cui Cefalù non è abituata

Discutono per una ragazza e rimedia una coltellata: un scena a cui Cefalù non è abituata
6 luglio 2020

I protagonisti della vicenda sono tutti minorenni

Come riporta il gds una lite per futili motivi tra minori si è conclusa con un accoltellamento
Sfiorata venerdì scorso la tragedia a Cefalù, a scaldare gli animi, la contesa della stessa ragazza. Uno dei due contendenti  si sarebbe recato dall’altro e gli avrebbe intimato di desistere dal fare la corte alla giovane, in quanto, su di ella, aveva posato gli occhi lui per primo.  Il secondo avrebbe proposto di incontrarsi successivamente per avere un chiarimento. L’incontro che, almeno apparentemente, doveva essere pacificatore si trasforma in una sorta di agguato dove il minore che aveva proposto l’incontro ha finito con l’infliggere diversi colpi all’addome dell’altro con un oggetto acuminato ancora non definitivamente identificato. Il giovane ferito è stato trasportato all’ospedale Giglio di Cefalù: dimesso la sera stessa è stato giudicato guaribile in una settimana.

Un episodio a cui Cefalù non è affatto abituata

L’episodio, assai singolare per l’Urbs Placentissima (Cefalù), ha sconvolto l’opinione pubblica locale: in tanti temono un degradamento del tessuto sociale e sperano che il fatto non passi inosservato. Parrebbe inoltre che, l’autore del gesto ai danni dell’altro minore sarebbe un turista proveniente da un’altra regione, la tal cosa – se possibile – rende lo scenario ancora più assurdo.
Fatti come questi lasciano preoccupati e inorriditi poiché la comunità cefaludese non è avvezza a simili scene di violenza: genitori di bambini e teenager si sentono ragionevolmente sicuri a lasciar uscire per qualche ora i loro figli così da godere appieno delle esperienze legate alla loro età. Andare al mare con gli amici e i compagni di scuola, fare una passeggiata sul lungomare o nel corso Ruggero – a Cefalù – non sono stati mai visti come comportamenti a rischio. E così dovrà rimanere.
Nonostante i recenti accadimenti Cefalù resta senza dubbio una città assai sicura e controllata da tutte le forze dell’ordine, non a caso nella perla del Tirreno hanno sede una caserma dei carabinieri, il commissariato di polizia, la tenenza della guardia finanza e la guardia costiera.

*immagine di repertorio



Commenti

Post nella stessa Categoria