Cefalù, polizia arresta clandestino: era già stato respinto dall’autorità di frontiera

Cefalù, polizia arresta clandestino: era già stato respinto dall’autorità di frontiera
7 luglio 2020

Il clandestino, già nel 2018 era stato respinto dall’autorità di frontiera

Gli agenti del commissariato di Cefalù hanno tratto in arresto un cittadino tunisino di 26 anni poiché responsabile della violazione della normativa sull’immigrazione.
Lo scorso giugno lo straniero si era reintrodotto in Italia sbarcando clandestinamente a Lampedusa, successivamente aveva trascorso un periodo di quarantena all’interno del CAS di Isnello, così come previsto dalle norme anti contagio da covid-19.
Gli accertamenti eseguiti presso le banche dati hanno fatto emergere che lo stesso soggetto era già sbarcato nel 2018 sul territorio nazionale essendo subito respinto dall’autorità di frontiera.
Così come disposto dall’articolo 10, comma 2 ter e quinquies del D.Lgs. 289/98 modificato dal D.L. 113/2018  –  si legge nel comunicato –  il tunisino avrebbe violato il divieto di reingresso sul territorio nazionale ed oggi è stato tratto in arresto.

*immagine di repertorio



Commenti

Post nella stessa Categoria