Si scrive ‘Cefalù Line’ si legge nove domeniche l’anno: inaugurato il collegamento diretto con l’aeroporto

Si scrive ‘Cefalù Line’ si legge nove domeniche l’anno: inaugurato il collegamento diretto con l’aeroporto
8 luglio 2020

Il servizio che non c’era e non c’è ancora

Le corse sono previste soltanto la domenica, nell’arco di tempo fra il prossimo 12 luglio e il 6 settembre, poi il progetto torna in soffitta, salvo tornare utile nella prossima primavera, per un’altra raschiata al ‘pork barrel’.
Presenti, fra gli altri,  al taglio del nastro: Rosario Lapunzina, l’assessore Simone Lazzara e il consigliere Augusto Cesare; l’assessore ai trasporti Marco Falcone, il presidente dell’Ars Gianfranco Micciché.
Un servizio che non lascia contento praticamente nessuno, residenti in primis, anche se sarebbe stato pensato per aiutare i turisti (della domenica ndr) a raggiungere Cefalù: “rinomata metà turistica a livello nazionale e internazionale”. Solo i festivi. Di settimana, Cefalù torna – evidentemente – a essere un anonimo paese di provincia.

Ad oggi non è previsto alcun potenziamento delle corse della tratta

Come confermato dall’ufficio stampa Sicilia-Calabria di trenitalia “Il servizio diretto Cefalù – Aeroporto è attivo dal 12 luglio, la domenica”. Dopo questo  “periodo di sperimentazione”, così è stato definito da chi ieri ha presenziato all’inaugurazione della tratta presso la stazione di Cefalù, non ci sarà da meravigliarsi se il progetto venisse accantonato per via della scarsa utenza che ne avrà usufruito. Le logiche aziendali hanno poco a che spartire con le logiche politiche.
In tanti si chiedono a cosa sia servita l’inaugurazione di questa tratta data l’esiguità delle corse e l’arco temporale in cui si svolgeranno. I turisti, infatti, sono già ben organizzati prima di partire e quasi tutte le strutture ricettive locali mettono a disposizione dei servizi di transfer da e per l’aeroporto. Inoltre, addetti ai lavori precisano che la domenica è il giorno in cui i turisti si muovono meno, tranne quelli mordi e fuggi. Viceversa, una cospicua flotta di taxi è presente nella perla del Tirreno e grazie a un efficiente coordinamento riescono a garantire un servizio di tutto rispetto. Nulla di utile invece per gli abitanti di Cefalù e dei comuni limitrofi. Chi vorrà raggiungere l’aeroporto dovrà ancora patire la carenza di collegamenti. Un servizio del genere diventa utile ed efficiente solo se è garantito tutti i giorni tutto l’anno e, paradossalmente rispetto a quanto realizzato, con meno corse durante i festivi.  Chi dovrà lasciare l’isola o rientrarvi per motivi di lavoro, studio o di salute sarà ancora costretto ad estenuanti attese o dovrà dipendere dalla cortesia di familiari o amici. Allo stato attuale, nessun passo è stato mosso verso un miglioramento della mobilità.



Commenti

Post nella stessa Categoria