Percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza: denunciati due commercianti

Percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza: denunciati due commercianti
13 luglio 2020

Percepiti indebitamente trentamila euro, scoperti dalle fiamme gialle

I militari della guardia di finanza, nell’ambito di alcuni servizi di controllo economico del territorio, hanno individuato due venditori di prodotti ortofrutticoli che esercitavano la propria attività commerciale in zone diverse del comune senza aver comunicato all’INPS l’inizio della propria attività economica eludendo in tal senso la normativa in materia di reddito di cittadinanza (RdC).
In particolare, i militari operanti hanno accertato che i due soggetti, già verbalizzati in passato per esercizio abusivo di commercio ambulante, nonostante fossero stati attribuiti specifici numeri di Partita IVA,erano stati ammessi al beneficio del Reddito di cittadinanza.
Nell’ambito dei controlli del territorio è stato riscontrato, inoltre che gli stessi esercitavano l’attività senza misuratore fiscale e senza aver comunicato all’INPS la variazione del proprio status economico.
Per tale motivo le fiamme gialle hanno proceduto a segnalare i due commercianti all’istituto nazionale di previdenza, ai sensi del D.L. 4/2019 (L. n.26/2019), per la decadenza del beneficio ammontante, complessivamente, a circa 30 mila euro.
L’attività di servizio conferma il fondamentale ruolo di polizia economico-finanziaria affidato al corpo della guardia di finanza, a contrasto di coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di bisogno.



Commenti

Post nella stessa Categoria