Cefalù Calcio: test positivo contro il Corleone

Cefalù Calcio: test positivo contro il Corleone
27 settembre 2012

Il Cefalù centra un altro successo superando per due reti a una il Corleone dell’ex Cephaledium Fabio Vitale, nel campo neutro “Calcio Sicilia” di Palermo.

Minutella soddisfatto dei ragazzi a fine gara

 

Anche se non si è trattato di un incontro ufficiale, i gialloblu hanno dato il massimo, superando una prova importante e contro una squadra della stessa categoria a pieni voti, con prove incoraggianti sia da parte dell’intero collettivo che di ciasun singolo giocatore, “riserve” comprese.

Da questo test, Minutella ha potuto trarre considerazioni importanti, una su tutte l’adattabilità dei suoi uomini ai differenti schemi di gioco optati dal tecnico, che dopo undici minuti è già costretto a correre ai ripari a causa del vantaggio del Corleone, che sblocca la gara con un tiro dalla distanza che per una volta non trova la risposta pronta di Fiduccia; a questo punto l’allenatore (partito inizialmente con un 3-5-2 sperimentale) decide di passare al più equilibrato 4-4-2, rimettendo così i suoi in carreggiata.

Prima della reazione cefaludese, gli avversari trovano però il tempo di procurarsi anche un calcio di rigore, scaturito da un fallo di Brocato proprio nei pressi dell’area al 16°, ma la conclusione dal dischetto finisce fortunosamente sul fondo, con palla a lato di Fiduccia.

Dopo venti giri di orologio (con premesse poco esaltanti), il Cefalù finalmente comincia a carburare con Cicero, che fa male alla difesa avversaria rubando palla al limite dell’area e tentando poi un tiro velenoso dalla distanza che sorvola di pochissimo la traversa, ma il centravanti (oggi in grande spolvero) deve pazientare altri sette minuti prima di poter realizzare:  grazie infatti a un fallo di mano in area, il Cefalù si procura il calcio di rigore, e proprio Sario Cicero trasforma mandando la palla da una parte e il portiere dall’altra.

Il calcio di rigore trasformato da Cicero

Nel finale di tempo arriva il raddoppio cefaludese stavolta con Culotta, che ribadisce a rete dopo una respinta coi pugni di Zabbia, che consegna la sfera al giovane attaccante regalandogli il 2-1 che chiude definitivamente i conti.

Nel secondo tempo Minutella cambia l’intera formazione, lasciando spazio a tutti coloro che avevano bisogno di minuti nelle gambe, ma il risultato non cambia, col pallino del gioco che resta saldamente tra le mani del Cefalù: da segnalare solamente un paio di occasioni, la prima di Barone con un tiro al volo su ottimo lancio di Castiglione, e la seconda con Compagno F. e una sua volée da fuori area terminata di poco sopra la traversa, l’unico sussulto dei corleonesi nella ripresa arriva invece su calcio piazzato, dove i biancorossi centrano soltanto il palo esterno.

In attesa della prossima giornata di Promozione insomma, il Cefalù si regala una bella serata, con una vittoria (festeggiata con tanto di cena in pizzeria nel dopogara) che sa di piccolo riscatto dopo l’arresto sfortunato contro l’Igea; ora però bisogna riconquistare i tre punti in una gara ufficiale (anche se in un campo difficile in casa della Spadaforese), forti di questa buona prova, che ha permesso di dare spazio a chi magari aveva avuto meno occasioni per mettersi in mostra, e che (bisogna dirlo) ha dato anche un segnale importante verso coloro che accusavano la squadra di una possibile mancanza di amalgama all’interno del gruppo, che è invece apparso forte, coeso e pronto per la sfida di sabato.

Formazioni:

A.S.D. Cefalù Calcio: 1 Fiduccia,2 Brocato,3 Compagno M.,4 Geraci,5 Schicchi,6 Compagno F.,7 Cicero,8 D’Amico,9 Culotta,10 Cane,11 Prestigiacomo. (2°T Giustiniani, Errante, Castiglione, Lo Piccolo, Aiello, Zangara, Barone, Guggino, Plances, Chinzi). All.Minutella.

Corleone:1 Zabbia,2 Lisciandro,3 Mezzapelle,4 Sciarrino,5 Pezzino,6 Fradella,7 Vitale,8 Li Castri,9 Taiello,10 Mazzeo,11 Di Cara. (2°T Di Cristina, Sparacina, Quartara, Macaluso) All.Vitale.



Commenti

Post nella stessa Categoria