Rendiconto 2009 – E’ Scontro – Parte dell’opposizione abbandona l’aula

Rendiconto 2009 – E’ Scontro – Parte dell’opposizione abbandona l’aula
3 ottobre 2012

Barranco: “In passato i bilanci sono stati occasione per fare politica”

E’ stato un Consiglio Comunale travagliato quello che, ieri sera, ha visto scontrarsi, sul tema “Riapprovazione del rendiconto esercizio finanziario anno 2009”, la maggioranza e parte dell’opposizione.

Lo scontro ha avuto inizio con l’intervento del Consigliere Comunale Patrizia Messina (Grande Sud) che ha messo in evidenza le incongruenze riscontrate, insieme ad altri Consiglieri d’opposizione, inerentemente alla cancellazione di parte dei residui attivi. Patrizia Messina ha fatto notare, che, tali residui, sebbene fossero stati già cancellati nel Rendiconto 2008, si ripresentavano in quello relativo al 2009 per essere nuovamente oggetto di cancellazione.

A tale intervento ha fatto seguito quella della Dott.ssa Vacca che ha spiegato, da un punto di visto tecnico, la correttezza delle procedure adottate al fine di giungere alla proposta di Delibera presentata in Consiglio Comunale. Procedure condivise dalla maggioranza che ha continuato a supportare la Delibera ritenendo superfluo sospendere la seduta.

Era chiaro, a questo punto, che si sarebbe arrivati allo scontro.

Patrizia Messina, prendendo nuovamente la parola, ha sostenuto di non essere stata convinta dalle spiegazioni addotte dalla Dott.ssa Vacca e, insieme agli esponenti di Grande Sud (Liberto, Lombardo e Giardina) ha deciso di abbondare l’aula.

Lo stesso ha fatto, poco dopo, il Consigliere Gioacchino Barranco (Cefalù Cambia): “Quello che è successo stasera è la dimostrazione che, in passato, il Sindaco Lapunzina ha utilizzato il tema del bilancio per fare politica e costruirsi la campagna elettorale per venire eletto. Il Sindaco ricordi che rappresenta il 30% dei elettori cefaludesi”.

Gli unici Consiglieri di opposizione a non aver abbandonato l’aula sono stati i 3 esponenti del gruppo PdL – Urbe (Larosa, Iuppa, Scialabba).

Marco Larosa (PdL) si è definito rammaricato della scelta fatta dai colleghi consiglieri che si sono allontanati da Sala delle Capriate: “Sono un uomo e non abbandono l’aula anche per rispetto ai miei elettori”. Sulla stessa lunghezza d’onda il Consigliere Iuppa (Urbe): “Da sportivo ho imparato che, anche quando la partita sta per essere persa, non bisogna abbandonare il campo e, anche se questa è una partita che verrà persa a causa dei numeri, non abbandono”.

Dopo gli interventi dei Consiglieri di maggioranza (di cui potete leggere nell’articolo appositamente dedicato ad essi) si è proceduto alla votazione che ha visto il Consiglio approvare la Delibera con il risultato di 12 favorevoli e 3 astenuti (Larosa, Scialabba e Iuppa).

 



Commenti

Post nella stessa Categoria