Valtellina WebTaormina WebBlogSicilia

Costaverde Cefalù per il sociale: nasce la collaborazione con la Lega del Filo d’oro

Costaverde Cefalù per il sociale: nasce la collaborazione con la Lega del Filo d’oro
11 ottobre 2012

La Costaverde Cefalù Volley, da sempre sensibile al sociale ed al mondo che opera nel “terzo settore”, instaurerà, da quest’anno,  un rapporto di collaborazione con la “Lega del Filo d’oro”.

In merito a questa nuova partnership abbiamo posto alcune domande a Gioacchino Madonia (direttore centro “Lega del filo d’oro”):

 – Di cosa si occupa la Lega del Filo d’Oro?

“Un filo prezioso che unisce il sordocieco con il mondo esterno”. Questo il concetto che ha ispirato il nome e l’attività della Lega del Filo d’Oro che dal 1964 è impegnata nell’ assistenza, riabilitazione e reinserimento nella famiglia e nella società di bambini, giovani e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali.

La sordocecità è la combinazione di una minorazione visiva con una uditiva, totale o parziale; la pluriminorazione psicosensoriale si ha quando alla minorazione della vista o dell’udito, se ne aggiungono altre come la disabilità intellettiva, deficit motori, problemi comportamentali. Le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali nel nostro Paese sono, secondo uno studio europeo, tra tremila e undicimila.

L’ impegno costante dell’Associazione ha come finalità il miglioramento della qualità della vita di queste persone, proposito che viene attuato attraverso:

–  La creazione di strutture specializzate;

–  La formazione di operatori qualificati;

–  Lo svolgimento di attività di ricerca e sperimentazione nel campo della sordocecità e della pluriminorazione psicosensoriale;

–  La promozione di rapporti con enti, istituti, università italiane e straniere;

–  La sensibilizzazione degli organismi competenti e dell’opinione pubblica nei confronti di questo tipo di disabilità.

Riconosciuta come Onlus nel 1998, la Lega del Filo d’Oro si avvale di personale altamente qualificato e dell’impegno di circa 450 volontari ed è presente in sette Regioni, presso i suoi centri di Osimo (AN), Lesmo (MB), Modena (di prossima attivazione), Molfetta (BA), Termini Imerese (PA) e nelle sedi territoriali di Roma e Napoli.

Termini Imerese, la struttura di cui sono Direttore, ha iniziato la propria attività ad Agosto del 2010 ed oggi ospita 20 utenti dei 24 posti letto a tempo pieno, per cui è stata accreditata presso il Servizio Sanitario Regionale.  I rimanenti posti saranno occupati entro il prossimo mese di Gennaio.

L’idea di realizzare una struttura riabilitativa e residenziale in Sicilia nasce dalla volontà di creare un polo di servizi in quest’area ed evitare agli utenti il distacco dal proprio ambiente e dalle proprie famiglie, oltre al disagio dovuto ai lunghi trasferimenti. All’interno del Centro opera anche il Servizio Territoriale che offre supporto agli utenti e alle loro famiglie (servizio sociale e socio-educativo), analisi dei bisogni degli utenti e attivazione di progetti personalizzati, consulenza ai servizi del territorio, coordinamento dei volontari a livello locale, informazione e sensibilizzazione.

– Quali sono le attività che portate avanti?

All’ interno del Centro opera un’equipe multidisciplinare di specialisti e operatori qualificati che attuano per ciascun ospite un progetto educativo- riabilitativo personalizzato, funzionale ad acquisire maggiore autonomia personale e una migliore qualità di vita.

Ad oggi il Centro eroga servizi educativo-riabilitativi, sanitari e assistenziali.

Gli ospiti sono divisi in gruppi, formati in base a caratteristiche quali la disabilità sensoriale, l’età e lo stadio evolutivo.

In un’area di circa 14.000 mq sorgono le strutture articolate in nuclei residenziali e organizzate in:

• Attività educativo-riabilitative e terapia occupazionale;

• Ambulatori;

• Uffici e servizi generali.

Per l’attuazione di tale servizio la Lega del Filo d’Oro ha potuto utilizzare una struttura messa a disposizione dalla Regione Siciliana da tempo inutilizzata; è stata ristrutturata ed adeguata per assicurare ai nostri ospiti la più ampia fruibilità degli spazi: tipologia e disposizione dei mobili, dislocazione dei corrimano, disposizione e tipologie dell’illuminazione, forme e colori adeguati soprattutto per chi ha ancora residui visivi.

Durante il giorno ogni gruppo dispone di un’aula allestita con gli strumenti necessari allo svolgimento del programma educativo e riabilitativo.

All’interno degli appartamenti gli ospiti imparano a mangiare da soli e ad apparecchiare.

Nel percorso di riabilitazione hanno un ruolo molto importante le attività di fisioterapia e idroterapia in quanto stimolano la persona sordocieca pluriminorata psicosensoriale a migliorare le proprie abilità motorie in termini di equilibrio e di coordinazione, agevolando così l’orientamento, la mobilità e l’autonomia; per cui all’interno della struttura residenziale sono presenti una palestra e una piscina predisposta per utenti con diverse forme di disabilità psicomotorie. La piscina, compatibilmente con le attività del Centro, è messa anche a disposizione del territorio.

Oltre alle attività svolte all’interno del Centro, ne sono state sviluppate delle altre esterne, come l’orticultura e la floricoltura  con la collaborazione del Vivaio Iris di Campofelice di Roccella, l’attività con i cavalli e altri animali in collaborazione con  la Comunità dell’Opera Don Calabria di Trabia ed altre ancora che stanno per essere attivate. Tutto questo è reso possibile grazie all’aiuto prezioso dei nostri volontari  e al coinvolgimento di altre realtà del territorio.

– Come nasce la collaborazione con la Costaverde Cefalù Volley?

La collaborazione nasce dalla mia conoscenza con l’allenatore in seconda, Marco Sabatino, il quale si è sempre interessato all’attività dell’Associazione. Incontrato il Presidente Di Giorgio, da subito, abbiamo sviluppato l’idea e concretizzato questa importante iniziativa.

– Sport e sociale: qual è l’importanza di questo connubio?

Il legame con il mondo dello sport e con i bei valori che lo caratterizzano distingue da sempre la Lega del Filo d’Oro; per l’Associazione è un modo per far conoscere a quante più persone l’attività dell’Ente che per perseguire la sua missione di supporto agli utenti ed alle loro famiglie, tanto ha bisogno di sempre più sostenitori.

INFO:

Lega del Filo d’oro Onlus

Centro Sanitario di Riabilitazione Residenziale Termini Imerese (PA)

Il Direttore

Dott. Gioacchino Madonia

Tel. 091.8142945- Fax. 091.8113135

Cell. 3387800807

Al via l’operazione “Pasta della Bontà”

Regala un sorriso a un bambino sordocieco: cerca il mercato Campagna Amica più vicino a te sul sito www.pastadellabonta.it. Con un kit composto da tre pacchi di pasta – accompagnati dalle ricette di Renzo Arbore, Marisa Laurito e Teresa Mannino – a fronte di una donazione, contribuirai a sostenere le attività della Lega del Filo d’Oro. LE BUONE AZIONI HANNO UN BUON SAPORE



Commenti

Post nella stessa Categoria