Cefalù Calcio: vittoria con il minimo scarto ma il massimo sforzo

Cefalù Calcio: vittoria con il minimo scarto ma il massimo sforzo
12 ottobre 2013

Il Cefalù Calcio vince ma non convince sul piano della prestazione, la partita che alla vigilia si presupponeva potesse essere un incontro semplice per la compagine di mister Minutella, si rivela essere il realtà molto più calcio2combattuta del previsto a causa di una prestazione opaca della squadra di casa e la grande combattività degli ospiti.
I Delfini della Vergine Maria, squadra della città di Palermo, partono forte, provando con delle azioni manovrate a mettere in difficoltà il portiere Fiduccia. Spesso però il possesso palla è sterile e per i primi minuti la partita non sviluppa alcun tipo di gioco se non un estenuante ping pong tra le due metà del campo.
La prima azione degna di nota la si mostra al 18′ quando dopo un uno-due al limite dell’area  Zangara si libera al tiro calciando in demivoleè dopo un controllo impreciso: blocca sicuro il portiere dei “Delfini” Muratore.
Sbloccatosi forse anche emotivamente, l’attacco del Cefalù riesce ad essere più pungente ma soprattutto più preciso.
Al 24′ da un rinvio lungo dell’ottimo centrale difensivo Aiello nasce un contropiede che permette ad Adami di poter tirare dopo aver magistralmente lasciato rimbalzare il pallone e di infilare a pallonetto dai 25 metri il prezioso 1 a 0.
Sempre sui piedi di Adami capita la ghiotta occasione del 2 a 0, un cross di Zangara dalla sinistra imbecca il piattone al volo della prima punta del Cefalù che stavolta spara alto sopra la porta di Muratore.
La prima frazione di gioco si chiude con il Cefalu’ in vantaggio con merito, grazie alla ottima capacità di saper concretizzare le poche occasioni avute.
Il secondo tempo sembra premettere molto bene dal punto di vista dello spettacolo con i Delfini molto vicini al pareggio già al 1′, l’azione vine sventata da Fiduccia , preciso  in presa bassa.
I ritmi però ritornano subito molto blandi e nel tabellino non si registra nulla se si fa esclusione per due sostituzioni tra le file degli ospiti; la prima azione pericolosa della ripresa (61′)  è targata MIlia che bene imbeccato dal solito Zangara viene di poco anticipato dal portiere ospite in uscita e nonostante riesca a vincere il rimpallo perde il contatto con la sfera non riuscendo a tramutare in rete la puntuale assistenza del numero 10 gialloblù.
Le squadre nel finale si allungano molto ma nonostante ciò le porte rimangono inviolate, a 10′ dalla fine il neoentrato Porcello viene lanciato a rete da Milia ma da pochi passi spara sul portiere in uscita.
La partita si avvia verso la conclusione senza molte occasioni e quando sembra quasi che si attenda soltanto in fischio finale, i Delfini possono recriminare per un contatto in area che sembrava avere tutti i requisiti per essere punito con la massima punizione.
Fortunatamente per i padroni di casa l’arbitro lascia correre e la partita si conclude.
Il Cefalù vince 1-0, risultato ottimo per classifica e morale ma che ha fatto molto soffrire i tifosi presenti al Santa Barbara.

Tabellino
Cefalù:

1 Fiduccia, 2 Mantia, 3 Compagno M. , 4 Geraci, 5 Aiello, 6 Compagno F., 7 Città (58′ D’amico 16), 8 Bonocore, 9 Adami, 10 Zangara (62′ Porcello 15), 11 MIlia (90′  Fiasconaro 17).
All. Sig Minutella
Delfini Vergine Maria :
1 Muratore, 2 Tumminia , 3 Basile, 4 Cangelosi ( Quattrocchi 17) , 5 Di Grazia , 6 Calderone , 7 Buccioli , 8 Arlotta , 9 Cinà ( Garofalo 15) , 10 Di Maria  ( Lo Monaco 16) , 11 Lo NIgro.
All . Sig Perricone (squalificato)
Arbitri : Sig. Di Rotta ( Barcellona), Sig. Esposito ( Palermo) , Sig Rigio (Palermo)

Francesco Petrigna 



Commenti

Post nella stessa Categoria