Inaugurato il nuovo Centro Sociale donato da Antonino Anselmo al Comune di Lascari

Inaugurato il nuovo Centro Sociale donato da Antonino Anselmo al Comune di Lascari
1 dicembre 2013

Hanno partecipato l’Assessore Regionale alla Famiglia e il Presidente dell’Istituto Italiano Fernando Santi.Inaguraz. Lascari

Sabato 30 Novembre, alle ore 16.30, si è inaugurato il Centro Sociale donato dal Sig. Antonino Anselmo al Comune di Lascari per lo svolgimento di attività di utilità sociale destinate agli anziani, emigrati,immigrati e giovani.

L’evento organizzato dal Comune di Lascari, ha visto la partecipazione di numerosi rappresentanti politici dei comuni limitrofi, dell’Assessore alla Famiglia, alle Politiche Sociali e al Lavoro, all’Immigrazione e all’Emigrazione della Regione Sicilia Ester Bonafede e di numerosi cittadini interessati.

Il Sindaco di Lascari, Giuseppe Abbate, dopo aver ringraziato pubblicamente il Sig. Antonino Anselmo per il gesto di grande valore sociale, ha esposto ai cittadini l’uso che verrà fatto del Centro Sociale. La struttura è costituita da tre piani: il primo piano sarà destinato ad accogliere gli anziani per attività ricreative e di socializzazione, il secondo piano, invece, sarà destinato agli immigrati presenti nel comune di Lascari che avranno finalmente un posto dove potersi incontrare e infine il terzo piano sarà destinato ai giovani e alle associazioni locali per lo svolgimento di attività ricreative, di formazione o altro.

A seguire è intervenuto il donatore il Sig. Antonino Anselmo che ha ricordato che il gesto fatto, oltre ad essere di grande utilità sociale per le fasce più deboli della popolazioni come gli immigrati e gli anziani, è anche un modo per commemorare la propria famiglia, che ha amato molto la città di Lascari in cui ha vissuto a lungo e che poi ha dovuto lasciare, come molte famiglie siciliane emigrate,  per andare a lavorare all’estero.

Il Presidente dell’Istituto Italiano Fernando Santi, Luciano Luciani, ha evidenziato come il Centro Sociale può diventare un laboratorio sociale per contrastare l’isolamento e la marginalità sociale che troppo spesso colpisce le fasce più deboli della popolazione come gli anziani e gli immigrati, attraverso la realizzazione di azioni di sistema che coinvolgono i principali attori rappresentativi del territorio, quali il Comune e le associazioni locali.

Infine c’è stato un lungo dialogo e confronto riguardo possibili progetti da realizzare nel nuovo Centro Sociale, a valere su programmi delle politiche regionali e nazionali, tra i rappresentanti politici intervenuti, il Presidente Luciano Luciani, della Consulta Regionale dell’Emigrazione e Immigrazione e l’Assessore Ester Bonafede, Presidente della Consulta Regionale, presente all’inaugurazione del Centro a seguito dell’invito rivolto dal Presidente Luciani e dal Sindaco Abbate.



Commenti

Post nella stessa Categoria