Mancato nulla osta per lo stadio Santa Barbara: replica il presidente del consiglio comunale Iuppa

santa barbara
9 agosto 2018

Non è mancata la replica del presidente consiglio comunale di Cefalù, Giovanni Iuppa, sulla vicenda legata al mancato nulla osta per la fruizione dello stadio Santa Barbara, mossa dal presidente della squadra Cephaledium, Barranco.

“Tralasciando ogni commento sul comunicato del signor Barranco, pubblicato sui social network e su talune testate giornalistiche locali, il mio ruolo, tuttavia, impone talune precisazioni anche e soprattutto a garanzia e difesa, non tanto del sottoscritto, quanto di tutto il Consiglio comunale e di quei consiglieri che genericamente vengono citati dal Presidente della Cephaledium. Ed invero, il signor Barranco, per la parte che ci riguarda, asserirebbe nel suo comunicato che nella vicenda dello stadio Santa Barbara il contributo del Presidente del consiglio sarebbe stato solo denigratorio e che, insieme ad alcuni Consiglieri, si sarebbe lamentato della effettuazione di quei lavori all’interno del Campo che sarebbero stati gentilmente offerti dalla compagine sportiva insieme anche (ora apprendiamo) alla proloco di Sant’Ambrogio.
Le cose stanno un po’ diversamente da come il presidente Barranco le vuole rappresentare e ciò per quel che riguarda la posizione dei consiglieri comunali che nella vicenda sono intervenuti durante la scorsa seduta del consiglio comunale.
Gli stessi hanno fatto propria la nota che il sottoscritto ha inviato al sig. Barranco in riscontro a una sua missiva inviata, tra gli altri, al presidente del consiglio comunale e per il suo tramite ai consiglieri comunali.
Ora, poiché ciò che resta alla storia non sono le sterili e strumentali polemiche bensì gli atti, allego alla presente proprio la nota del signor Barranco e la risposta ad essa data dallo scrivente anche in rappresentanza di tutto il Consiglio comunale.
Lascio ai lettori, che avranno la pazienza di leggere, ogni commento sulla intera vicenda.
Gli stessi valuteranno,inoltre, se il contenuto della nota del sottoscritto, nella sua qualità di rappresentante del consesso cittadino, abbia voluto avere (vocabolario della lingua italiana alla mano) senso denigratorio.
Piuttosto, auspico per il futuro un dialogo sereno, leale e corretto, in questa come in altre vicende che possano riguardare la nostra amata cittadina e le diverse realtà sociali che in essa operano.
La porta della presidenza del Consiglio è sempre aperta.

Questa la replica del presidente sidente del Consiglio Comunale, avvocato Giovanni Iuppa.



Commenti

Post nella stessa Categoria