Non solo calcio, domani l’Italia dovrebbe guardare la pallavolo

Non solo calcio, domani l’Italia dovrebbe guardare la pallavolo
12 settembre 2018

Non solo calcio. A tenere col fiato sospeso gli italiani, per una volta, potrebbe non essere il fischio d’inizio dal dischetto. Gli azzurri che sanno volare infatti, si sfideranno tra il muro e la rete stavolta.

E’ la nazionale italiana di pallavolo a fare da protagonista nell’agone sportivo dei Mondiali di Pallavolo maschile Italia-Bulgaria 2018. Sì, siamo anche il Paese ospitante. La competizione, in atto dal 9 al 30 settembre, riguarderà da vicino alcune delle più importanti città della nazione da Nord a Sud: Bari, Firenze, Roma, Milano, Bologna e Torino. Qui si svolgeranno due gironi della prima fase; in Bulgaria, Paese con cui il comitato organizzatore ha deciso di condividere l’esperienza, sono invece tre le sedi di gara: Sòfia, Varna e Ruse.

I partecipanti sono ventiquattro nazionali, divise in quattro gironi da sei squadre ciascuno: le migliori quattro accederanno al turno successivo portandosi dietro tutti i risultati acquisiti. Successivamente si formeranno quattro gruppi da quattro formazioni ciascuno; così si otterranno le sei finaliste: le quattro vincitrici, la migliore seconda dei due gironi in territorio italiano e la migliore seconda dei due gironi su suolo bulgaro.  Segue quindi una nuova fase a due gironi da tre squadre ciascuno, prima delle semifinali incrociate e della finalissima che assegnerà il titolo.

Per accedere alla terza fase l’Italia domani deve necessariamente vincere contro il Belgio a Firenze, sebbene abbia riportato già contro il Giappone una importante vittoria la scorsa domenica (gli azzurri sono inseriti nel Pool A con Argentina, Belgio, Slovenia, Giappone, Repubblica Dominicana). Poi si giocherà ancora martedì 18 settembre alle 21.15, in programma Italia vs Slovenia. La seconda fase del mondiale si svolgerà da venerdì 21 a domenica 23 settembre, mentre da mercoledì 26 a venerdì 28 settembre assisteremo alla terza fase.

Ivan Zaytsev e compagni, dopo quattro giorni senza partite caratterizzati da allenamenti, dovranno vendicare la sonora sconfitta subita contro i Red Dragons (il Belgio) ai quarti di finale degli ultimi Europei, ma in quell’occasione in campo mancavano alcune stelle tra cui lo “Zar” e Osmany Juantorena. La partita di domani sarà trasmessa in diretta tv su Rai Due e in diretta streaming su Rai Play.

Sofia D’Arrigo



Commenti

Post nella stessa Categoria