Obama, “shutdown” e furbo catastrofismo

Obama, “shutdown” e furbo catastrofismo
10 ottobre 2013

Da qualche giorno, i giornali di mezzo mondo sono concentrati sullo shutdowndegli Stati Uniti. Sull’argomento non si sprecano né toni apocalittici né argomenti che farebbero invidia alla neolingua orwelliana, con un vero e tea-partyproprio ribaltamento della realtà e analisi viziate da visioni partigiane. Partiamo dai fatti: l’anno fiscale americano si conclude il 30 settembre, ed entro quella data va approvato il bilancio per l’anno successivo. (Il concetto di bilancio provvisorio, tanto comune ai nostri governanti, è fortunatamente estraneo alla cultura americana.) In caso contrario, è obbligatorio che vengano congelate alcune voci del bilancio pubblico.

In questi mesi, il dibattito intorno al bilancio americano è stato durissimo: mentre l’amministrazione Obama sembra incapace d’evitare che il disavanzo federale continui a crescere a livelli insostenibili, parte dell’opposizione repubblicana – in particolare quella legata al Tea Party e piú attenta ai temi fiscali – ha spinto affinché venisse almeno rinviata d’un anno l’entrata in vigore dell’«Obamacare».

Continua a leggere: http://thefielder.net/07/10/2013/obama-shutdown-e-furbo-catastrofismo/



Commenti

Post nella stessa Categoria