Sigonella-Tripoli : linea fantasma di morte ?

27 agosto 2014

sigonellaIn mezzo a tante altre infuria la polemica “libica” : di chi sono i cacciabombardieri che martellano Tripoli a suon di bombe ?
Colpiscono,da vari giorni,le postazioni della fazione islamica integralista che occupa aeroporto e gran parte della città.
Con consueto contorno di “vittime collaterali”,bimbi in testa.
Per una volta le sigle le ometto : in Libia tra Califfati vari,tribù e milizie eterogenee non si capisce piú nulla.
Chi governa che cosa è un mistero pure per i libici : potenza degli Occidentali e della sanguinosa Crociata contro Gheddafi.
Lo avevamo scritto e gridato in tanti all’epoca,specie sui media liberi di internet : rovesciare Gheddafi sarà deleterio,per la Libia e l’Occidente tutto (Italia in testa).
Figuriamoci poi assassinarlo brutalmente dopo averlo consegnato agli integralisti.
Così é stato,non provo (non proviamo) alcuna soddisfazione nell’avverarsi delle facili previsioni.
Ma lo scenario,sottovalutato dagli “esperti” ufficiali sui media piú importanti,sembra ancor piú preoccupante di quanto appaia.
Perché  ? Proprio per la presenza degli “aerei fantasma” a fianco di una fazione.
Ci rendiamo conto di cosa significhi,nel 2014 e con la relativa tecnologia satellitare,decollare da un aeroporto di uno stato,viaggiare sorvolando spazi aerei di varie nazioni,arrivare su una capitale straniera e bombardare ?
Impossibile,assolutamente impossibile…anche senza contrassegni di identificazione.
Nega l’Egitto,gli Emirati Arabi Uniti tacciono,così come gli altri stati confinanti.
La Lega Araba ufficialmente comunica : “sono di Paesi non arabi ed i bombardieri sono partiti dalle coste del Mediterraneo”.
Tradotto : sono occidentali !
Ed è pure logico,figuriamoci se gli americani non hanno traccia dei voli di morte. Persino la nostra gloriosa Marina Militare,impegnata non a difendere il territorio nazionale ma a raccogliere profughi a 30 miglia dalla Libia,avrà avuto i radar accesi. E si sarà resa conto della provenienza dei bombardieri.
Oppure….,la più verosimile delle ipotesi,americani ed italiani non hanno volutamente “visto niente” perché direttamente coinvolti ?
La “costa del Mediterraneo”  piú vicina a Tripoli è la nostra e la base piú indicata (ed usata) per tutte queste operazioni si chiama Sigonella.
A due passi da casa mia,a Catania.
Una volta c’era un collegamento aereo per Tripoli,era civile e pacifico.
Ora,con queste notizie,presumo sia stato ripristinato “in incognito”.
In funzione di morte.

Grazie per l’attenzione.

Vincenzo Mannello


Commenti

Post nella stessa Categoria