Cefalù, rocambolesco inseguimento sulla A19, arrestati in quattro

24 ottobre 2014

Nelle prime ore di ieri mattina, la Polizia di Stato congiuntamente ai Carabinieri, ha tratto in arresto F.M., 31enne, C.F., 33enne, G. G., 37enne, D.M. P., 22enne, tutti pluripregiudicati palermitani, in quanto ritenuti responsabili dei reati di resistenza a pubblico ufficiale, porto di strumenti atti allo scasso e ricettazione.

I quattro sono stati bloccati dai poliziotti appartenenti al  Commissariato di P.S.  e dai militari  della Compagnia CC, entrambi di Cefalù, con l’ausilio degli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Palermo, dopo  un lungo inseguimento sulla “A19”, in direzione Palermo. All’altezza dello svincolo di Scillato, una vettura BMW, con a bordo quattro giovani, è stata notata sfrecciare ad alta velocità, nelle prime ore della mattinata. Due pattuglie del Commissariato P.S. e della Compagnia di Cefalù hanno così inseguito la vettura, intimando l’ “alt Polizia”, allo scopo di effettuare un controllo.

Ne è nato un rocambolesco inseguimento che si è concluso in viale Regione Siciliana, quando, all’altezza della rotonda “Oreto”, i malviventi si sono visti sbarrati la strada dalle volanti di polizia e gazzelle palermitane, nel frattempo allertate. Una volta circondata l’autovettura ed impossibilitati a fuggire, i giovani palermitani hanno cercato di ostacolare il lavoro delle Forze dell’Ordine, tentando di sottrarsi alla cattura. Scattate le perquisizioni personali, veicolari e domiciliari, i quattro sono stati trovati in possesso di un vero e proprio “arsenale” di strumenti atti allo scasso, nonché di fiamme ossidriche e di passamontagna.

Ad attirare l’attenzione degli agenti e militari è stato, soprattutto, un disturbatore di frequenze telefoniche, comunemente detto “jammer”, strumento di ultima generazione in grado di inibire ai telefoni cellulari la ricezione o la trasmissione di segnali, sì da renderli completamente inefficaci, impedendo di fatto la richiesta di intervento delle Forze dell’Ordine. Il ritrovamento del notevole bagaglio di strumenti di effrazione ha lasciato ipotizzare agli investigatori che i quattro palermitani potessero essersi resi responsabili di un “colpo” oltre provincia.

Le indagini ad ampio raggio compiute dagli investigatori nell’immediatezza dei fatti, hanno accertato che a Biancavilla, in provincia di Catania, zona dalla quale i malviventi si sarebbero immessi lungo la “A19”, fosse stato compiuto un grosso furto presso una tabaccheria ove era stata sfondata una vetrina con un ariete. Gli investigatori sono alla ricerca di elementi utili al fine di accertare il coinvolgimento dei fermati ai fatti di Biancavilla. L’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto dei quattro malviventi ed ha disposto per il solo D.M.P. l’obbligo di  dimora. I restanti tre si trovano ristretti presso la locale casa circondariale.

 

 

 

 

 



Commenti

Post nella stessa Categoria