Terza categoria, a Finale vince lo sport

Terza categoria, a Finale vince lo sport
15 dicembre 2014

ultra

Pubblico delle grandi occasioni al San Giuliano di Finale. Temperatura che si aggira intorno ai 20°, l’ideale per giocare al calcio. E una cornice di tifo all’altezza di categorie superiori. Alle 15 in punto scendono in campo le due squadre, schierate a specchio con il classico 4-4-2. Per i padroni di casa, allenati da Mimmo Di Noto, va Vuono fra i pali, Davide Raimondo e Giuseppe Botindari (’95) a sortire le discese delle ali avversarie, Gatta e Capuana in mezzo; centrocampo composto da Sergio Martorana, Francesco Lombardo e gli ultimi arrivati, in prestito dal Real Calcio Finale, Angelo Solaro e Danilo Martorana; di punta i fratelli Marco e Giuseppe Botindari. Risponde il San Mauro con Corradino in porta, Maurizio Fertitta, mister Mocciaro, capitan Colantoni e Santangelo in difesa; Francesco Giordano e Gioacchino Botindari sugli esterni, Turi Martorana e Zangara in mediana, e Giaimo a girare intorno alla boa Fiorentino. Lunga fase di studio nella quale prevale l’emozione (si sfidavano due coppie di fratelli, Gioacchino Botindari e Salvatore Martorana da una parte, Giuseppe Botindari e Danilo Martorana dall’altra). E’ Zangara il primo a farsi vivo; una punizione tagliata di Mocciaro non viene raccolta dal centrocampista maurino per questione di centimetri, e il pallone si spegne fra le braccia di Vuono. Si accende allora il Finale, guidato da un sontuoso Solaro, autentico faro dei bianco-azzuri. Rocambolesca la prima azione pericolosa del Finale; Danilo Martorana si presenta a tu per tu con Corradino, che in uscita allontana il pallone fra i piedi di bomber Peppe Botindari, la cui prima conclusione viene respinta a pochi centimetri dalla linea da Maurizio Fertitta, e la seconda termina sul fondo. Più vivace la ripresa; mister Mocciaro inserisce subito Angelo Fertitta al posto del fratello Maurizio, uscito claudicante. Ed il fuoriclasse maurino mostra subito tutto il suo valore, prende palla sulla sinistra, semina il panico ed entra in area, appoggiando il pallone in mezzo per Fiorentino, che la piazza sotto l’incrocio siglando il vantaggio per il San Mauro. La festa dura però solo 10 minuti; Marco Botindari batte forte una punizione da posizione defilata, Mocciaro anticipa tutti, e deposita il pallone di testa nella propria rete riportando, con un autogol, il risultato in parità. A questo punto è il Finale a riprendere le redini del gioco, ma Corradino è sempre attento e puntuale nelle uscite. Il San Mauro si fa vivo dalle parti di Vuono soltanto per mezzo di qualche piazzato. Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro sancisce la fine dell’incontro, con le due squadre che, strette per mano, salutano insieme il calorosissimo pubblico. Una giornata in cui, visto il costante equilibrio sul terreno di gioco, ha vinto lo sport e lo spettacolo.

Negli altri match di giornata la Supergiovane Castelbuono, nell’anticipo del sabato, ha facilmente liquidato la pratica Aliminusa con un roboante 8 a 0, frutto delle doppiette di Conoscenti e Latella (capocannoniere del girone con 5 realizzazioni) e delle marcature di Città, Piro, Cangelosi e Spallino). La Stella del Mare riprende la marcia trionfale battendo per 2 a 0 l’Alimena. Con eguale punteggio, il Polizzi sconfigge il Fair Play Lercara Friddi. 1 a 1 infine fra Ersal Termini e Alia.

Questa è la classifica aggiornata alla settima di campionato:

Stella del Mare 19 punti*;

Supergiovane Castelbuono 13;

Finale 13;

Alimena 10;

Polizzi 10;

San Mauro 7;

Fair Play 7**;

Ersal Termini 7;

Pollina 6;

Alia 3;*

Aliminusa 0.*

 

*una partita in più

**una partita in meno



Commenti

Post nella stessa Categoria