Batosta per la Zannella. Il Green Basket vince al Pala Don Bosco

Batosta per la Zannella. Il Green Basket vince al Pala Don Bosco
19 gennaio 2015

E’ stata una partita che si è giocata sull’onda dell’emotività quella andata in scena al Pala Don Bosco di Palermo che vedeva di fronte la capolista Zannella Basket Cefalù e il Green Basket.
L’inizio è tutto a favore della squadra ospite che, spinta dal calore dei più di 150 tifosi accorsi in trasferta, allunga fino a +12 dopo soli 5 minuti di gara.
La reazione dei padroni di casa però non si fa attendere e mentre la squadra di coach Priulla forzava conclusioni dalla lunga distanza, spesso direttamente dal palleggio e senza ritmo, il Green basket rimontava punto su punto, fino a chiudere il primo quarto sotto di sole due lunghezze.
Nel secondo quarto si sveglia Mollura, 8 punti di fila nei quali però esprime il picco più alto del suo gioco ( saranno 14 i punti totali a fine partita, macchiati da un 2/8 dalla lunga distanza), la Zannella allunga così fino ad un nuovo + 10 che lascia presagire un agile controllo del match.
La squadra di coach Bonanno però è un avversiario ostico e lo ha dimostrato ancora una volta, i senatori, Gullo e Lombardo, quest’ultimo fresco vincitore della gara del tiro da tre, si esibiscono in una partita da incorniciare ed iniziano a bombardare la retina cefaludese dalla lunga distanza con precisione chirurgica.
Il gap, prima si ricuce grazie a due triple di Lombardo, poi viene invertita l’inerzia della gara con i padroni di casa che si portano fino a +4.
La gara si gioca su un ritmo altissimo, i colpi di scena si susseguono e la Zannella riesce a costruire per la terza volta un buon vantaggio (7 pt) ma come il Narciso della mitologia greca, la squadra di coach Priulla si ferma a specchiarsi, paga della propria bellezza, e perde di vista l’importanza della posta in palio.

Al contrario, il Green Basket, spinto da un caloroso Pala Don Bosco e senza perdere mai la testa ricuce per la terza volta pescando anche dalla panchina forze fresche importanti come in Trevisano (2/3 da tre e una difesa ottima nei momenti topici della gara).
La quarta ed ultima frazione si apre con gli ospiti in vantaggio di una lunghezza, Maritano fa prendere il comando al Green (64-63), Mollura sbaglia due triple di fila mentre Gullo è inarrestabile e fa 6 punti in due azioni (70-63), la Zannella non reagisce più, Hudson fa cilecca da tre mentre dall’altra parte del campo Bontempo griffa l’allungo decisivo (73-63).
L’americano non è un fattore durante la gara ed il 4/12 dal campo è il risultato di una partita giocata ad intermittenza.

Nel finale il vantaggio dei padroni di casa non scende mai sotto le 6 lunghezze e si dilata nell’ultimo minuto grazie ad un incontenibile Bontempo che realizza 10 punti nei 4 minuti conclusivi, è festa Green Basket che riapre il campionato, con il punteggio finale di 82-70.
Grande delusione per la Zannella che perde il secondo big match di fila dopo il passo falso di Reggio.
La classifica si accorcia e vede le prime quattro squadre racchiuse in soli 2 punti, gli scontri diretti saranno fondamentali e ci sarà da lavorare in casa Zannella per non perdere più terreno sulle rivali più accreditate.
La squadra biancoazzura rimane competitiva e la fiducia dei suoi tifosi resta intatta nonostante la sconfitta, lo testimonia il lungo applauso tributato a fine partita ai beniamini della città normanna.
Coach Priulla dovrà lavorare molto sui suoi giocatori per far si che non si buttino via buone prestazioni a causa di un solo quarto di gioco nel quale l’attacco gira a vuoto.
Il Green esulta per una vittoria che ha cercato con caparietà ed è arrivata solo nei minuti finali di una partita nella quale ha quasi sempre dovuto rincorrere, il 57% da tre di squadra è difficilmente replicabile ma non basta per giustificare una vittoria ottenuta soprattutto sul piano mentale e su quello della gestione emotiva della gara.

Francesco Petrigna

Foto di Martina Badami



Commenti

Post nella stessa Categoria