Sulla vicenda Diciotti interviene il rappresentante pollinese della Lega

Sulla vicenda Diciotti interviene il rappresentante pollinese della Lega
26 agosto 2018

Il presidente della consulta disabili della Lega Noi con Salvini di Palermo, Salvatore Cangelosi che è anche responsabile del gruppo politico a Pollina, è intervenuto sulla questione migranti sulla nave Diciotti. Riportiamo di seguito la lettera aperta.

Stamattina mi son svegliato e…no, non è l’incipit della canzone preferita dell’onorevole Boldrini…stamattina mi son svegliato e ho deciso di non fare colazione. Direte voi, perchè? Ma ovvio, per solidarietà ai poveri migranti della nave Diciotti, una nave della guardia costiera italiana che, meglio di qualsiasi ong, preleva e soccorre migranti in tutto il mediterraneo. Sfuggono dalla fame e dalla carestia, qualcuno in visita alla Diciotti ha però suggerito loro, per poter sbarcare, di fare lo sciopero della fame: vuoi non essere solidale? Ah italiani popolo di razzisti ignoranti. E mentre penso ai poveri migranti mi dico quanto siamo fortunati a vivere in un paese dove il lavoro, la sanità e l’istruzione sono diritti costituzionali inviolabili: con il pensiero vado alle scuole del mio amato paese, Pollina .

I miei concittadini non sono costretti a fare chilometri a piedi per poter andare a scuola,  ove comunque ci sia una scuola raggiungibile: Abbiamo comodamente elementari e medie in paese. Unico problema, ovviamente una cosa trascurabile né alle elementari né alle medie: i disabili hanno un bagno dedicato a disposizione.

Nel 2018, a Pollina Italia, un disabile finisce con il non frequentare perché la mancanza del bagno è incompatibile con il regolare svolgimento delle lezioni. Certo, paragonato alle orribili condizioni di vita dei migranti, direte voi, questo è niente. Che un disabile non possa frequentare la scuola dell’obbligo non ha rilevanza alcuna in effetti, tanto, parliamoci chiaro, a cosa può servire che un disabile si scolarizzi?

L’ importante è che possa accedere facilmente ai servizi comunali… Adesso che ci penso, però, devo dire che a Pollina, ad esempio, un disabile può accedere al municipio edificio, ma non a tanti servizi interni la cui fruizione è subordinata al superamento di scale che non prevedono ausili di accesso ai disabili stessi: vabbè, non stiamo a sottilizzare, direte voi,alla fine esistono le deleghe e se un disabile non può partecipare ad una seduta di consiglio comunale, poco male, se ne faccia una ragione.  I problemi veri sono ben altri: accogliere ed integrare i migranti dando loro un lavoro ed un’ istruzione adeguata, non perdersi certo dietro le stupidate e le velleità dei disabili che  sono solo spese a fondo perso. Ha fatto bene l’ on. Boschi a sottolineare in parlamento l’ inutilità e la faziosità di un ministero razzista dedicato ai disabili: A questo punto devo dire che mi e’ venuta una gran fame e,come i migranti, mi vado a fare una bella colazione (finchè la legge non me lo impedirà). 

Ad maiora! Salvatore Cangelosi, presidente consulta disabili per la Lega Palermo



Commenti

Post nella stessa Categoria