Ex province in default, si pensa alla trattativa con lo Stato

Ex province in default, si pensa alla trattativa con lo Stato
8 gennaio 2019

Scuole senza luce elettrica né gas e quindi neanche riscaldamento nel nisseno, strade provinciali dissestate (guardasi agrigentino e Madonie), spesso chiuse per rischio crolli sui ponti, con frane che occupano la carreggiata e, col freddo di questi giorni, occupate dalla neve e con scarsi servizi per lo sgombero, non gestito con regolarità-

Questo è parte dello scenario vizioso in cui permangono le ex province perché non riescono più a garantire i servizi adeguati.  Nei giorni scorsi il Commissario di Caltanissetta aveva perfino disdetto le forniture elettriche e di gas degli istituti superiori perché non è in grado di pagarli. Un intervento della giunta regionale le aveva fatto fare un passo indietro ma il problema permane.

L’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao ha convocato per la giornata odierna i sei commissari dei Liberi Consorzi comunali e i tre sindaci metropolitani per affrontare le problematiche finanziarie delle ex province che sono quasi tutte sull’orlo del default e presentano enormi criticità finanziarie che non consentono di assicurare i servizi essenziali come il funzionamento degli istituti secondari superiori. Nella legge di stabilità 2019 sono state inserite alcune norme a sostegno ma non sono sufficienti ad evitare il dissesto degli enti.

Un primo passo è la trattativa con lo Stato anche sul prelievo forzoso ma i fondi previsti per le ex province non bastano e la regione deve ugualmente integrare e la legge di stabilità siciliana in discussione da oggi davanti al parlamento è il grande tema da affrontare perché in quella norma non ci sarà da pensare solo alle ex Province ma ad una quantità di emergenze difficile da mettere nere su bianco.



Commenti

Post nella stessa Categoria