Bompietro: elezioni amministrative, parla il candidato sindaco Piercalogero D’Anna

Bompietro: elezioni amministrative, parla il candidato sindaco Piercalogero D’Anna
3 aprile 2019

Il 28 aprile gli italiani si recheranno alle urne per le elezioni amministrative. È solo uno il comune madonita interessato, e precisamente quello di Bompietro. Saranno due le liste civiche che si contenderanno il potere amministrativo e la nostra redazione sentirà i candidati sindaci con due interviste esclusive. I nomi dei candidati per le elezioni amministrative del 28 aprile sono quelli di Pier Calogero D’Anna e Giuseppe Sabatino
Abbiamo incontrato Pier Calogero, attuale Presidente del Consiglio comunale di Bompietro e Presidente dell’Assemblea dell’unione Madonie, la più grande unione dei comuni d’ Italia. Laureato in Ingegneria elettronica con un master in Management nei Sistemi Informativi, sempre impegnato nella politica locale, Piercalogero D’Anna è assessore uscente alle politiche giovanili, nonché fondatore dell’associazione Giovani amministratori madoniti e consigliere regionale dell’ASAEL. D’Anna, inoltre, fa parte del consiglio direttivo dell’Unione degli Assessorati ed è Clcofondatore del MAV Bompietro primo museo di archeologia virtuale e interattiva al mondo.
Perché hai scelto di candidarti? Qual è il tuo motto?
Per mettere la mia esperienza maturata in questi 17 anni di amministrazione a disposizione della mia comunità.
La politica é servizio, infatti citando la frase di Kennedy non mi chiedo cosa può fare il mio paese per me,ma ogni giorno mi adopero a fare qualcosa per il mio paese.
Vista la fuga dei giovani e lo spopolamento dei nostri piccoli Comuni, hai qualche idea per evitarla?
In questi anni molto é stato fatto ma tanto é ancora da fare.
Io per primo come giovane ho investito nel mio paese inventando una attività pioniera nel suo genere questo deve servire da esempio trainante. Metterò a disposizione dei giovani tutti gli strumenti necessari per accompagnarli a far nascere idee imprenditoriali concrete e non assistenziali.
Senza tralasciare naturalmente i settori tradizionali come agricoltura l’artigianato ed il commercio.
Sulla tua squadra invece che ci dici?
È il frutto di una sintesi di persone con cultura storia esperienza e sensibilità diverse che hanno deciso di mettere a servizio della nostra comunità.



Commenti

Post nella stessa Categoria