Cefalù, Covid19: sarà lutto cittadino per la morte di Salvatore Barro

6 May 2020

Tutta la città piange il Carabiniere originario di San Giuseppe Jato

Giovanni Iuppa, presidente del Consiglio Comunale di Cefalù, fa sentire la propria vicinanza: “Rivolgo -afferma l’avvocato – a nome mio personale e dell’intero Consiglio Comunale di Cefalù, i più sentiti e sinceri sentimenti di cordoglio ai figli ed ai familiari tutti del brigadiere capo dell’arma dei Carabinieri Salvatore Barro per la sua prematura ancorché beffarda scomparsa (il Carabiniere era sessantenne ndr). Ho avuto il piacere di conoscere Salvatore Barro personalmente . Ne ho potuto apprezzare il garbo, i tratti signorili ed il suo costante atteggiamento di contegno , mai scomposto, nell’affrontare la propria vita.”

Per il militare in quiescenza sarà lutto cittadino

Le parole del primo cittadino: “Prometto – afferma Lapunzina – tuttavia, che il suo nome non sarà dimenticato; lo dobbiamo a lui e a tutti coloro che a causa di questa pandemia sono morti, hanno perso gli affetti più cari, hanno sperato, hanno combattuto e continuano a profondere tutte le energie affinché il mondo esca al più presto da questo incubo”.  “Ho deciso di proclamare il lutto cittadino, per offrire un simbolico attestato di partecipazione dell’intera comunità cefaludese al dolore per la scomparsa del nostro concittadino”. “Desidero pertanto esprimere il cordoglio della Città ai familiari, all’Arma dei Carabinieri, che lo ha annoverato tra le sue fila, agli amici, ai colleghi, a tutti coloro i quali ebbero la fortuna di conoscerlo”.“Il virus, terribile e impietoso – conclude -, che lo ha sottratto alla vita terrena ci impedisce di rendergli l’ultimo estremo omaggio come meriterebbe”.

 



Commenti

Post nella stessa Categoria